in

Presto un latte speciale per neonati allergici

In questi anni le allergie sono in continuo aumento anche tra le generazioni venute da poco alla luce. Attualmente, in Italia, lo 0’8% degli infanti sono allergici al latte. Per questo si sta pensando di produrre un nuovo tipo di latte trattato per i bambini allergici al lattosio.

La ricerca coinvolge scienziati di tutto il mondo. In Italia ne fanno parte i pediatri dell’Ospedale Bambin Gesù e dell’Università la Sapienza (entrambi situati a Roma) e il lavoro finora svolto è stato oggetto di discussione ad un convegno che si è tenuto ieri nello stesso ospedale pediatrico sulle allergie alle proteine del latte di vaccino. A spiegare gli obiettivi dello studio ci pensa il responsabile del reparto di Allergologia del Bambin Gesù, dott. Alessandro Fiocchi:

bambini - latte

Rispetto alle altre formule questa dà una maggiore probabilità che la reazione non si presenti perché le proteine sono ancora più idrolizzate, cioè rese ancora più piccole per poter sfuggire agli anticorpi del piccolo e non innescare la reazione allergica. Sono inoltre stati aggiunti acidi grassi essenziali e fibre prebiotiche che fanno da substrato nutritivo alla flora intestinale, favorendone lo sviluppo in modo naturale“.

Tutt’oggi sugli scaffali di grandi supermercati, negozi specializzati e farmacie possiamo trovare bevande sostitute del latte a base di amminoacidi, proteine della soia o di quelle del riso. In alcuni casi anche latte di altri animali. Ma presto potrebbe aggiungersi anche questa nuova soluzione ancora più sicura dal punto di vista delle allergie. Soluzione che, ci prospetta Fiocchi, dovrebbe essere limitata nel tempo, in quanto “l’allergia al latte guarisce se trattata nel modo corretto, evitando di eliminarlo del tutto perché si può andare incontro a carenze nutrizionali anche gravi“.

Seguici sul nostro canale Telegram

Roberto Maroni

Lombardia: i vitalizi d’oro degli ex consiglieri regionali, protesta M5S

Milan, Galliani: “Raiola si metta l’anima in pace. Mario rimarrà la nostra stella”