in

Prete pedofilo Nello Giraudo, il video de Le Iene e i silenzi della Chiesa

Il giornalista Pablo Trincia racconta la storia di don Nello Giraudo che dal 1980 al 2010, ha abusato di molti bambini delle parrocchie in cui di volta in volta si è occupato. Attraverso le testimonianze di molte persone che hanno subito le sue violenze, viene alla luce un profilo di Don Nello raccapricciante.

La Curia sapeva, nonostante ciò la punizione è consistita nello spostare il prete da una parrocchia ad un’altra. Don Nello ebbe in gestione addirittura una comunità per minori disagiati e la direzione di un boy scout. Nessuno ha fermato quel prete, pur essendo a conoscenza della perversione che affliggeva lui e si riversava su giovanissime vittime. Monsignor Calcagno, che parteciperà al prossimo Conclave, Monsignor Sanguinetti e Monsignor Lanfranconi, quest’ultimo prescritto dopo le indagini della Procura di Savona, proprio per aver fatto scendere il silenzio sul caso, sono tra i responsabili di questa decisione.

pablo trincia prete pedofilo

Trincia cerca di intervistare i monsignori che hanno permesso a Don Nello di abusare dei bambini per oltre vent’anni. Ma sia Calcagno, sia Sanguinetti, sia Lanfranconi, fanno scena muta, cacciando via l’intervistatore.

Anche Papa Ratzinger sapeva, ma come tutti gli altri vertici della Curia locale, non ha denunciato i fatti. Ratzinger proprio quando era Prefetto della Congregazione per la dottrina della Chiesa, l’organo deputato a vigilare sulla correttezza della dottrina cattolica, era stato informato del prete pedofilo. La condotta della Curia tutta è stata quella di sottacere la questione, che ora salta fuori in modo agghiacciante e prepotente.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

nichi vendola padre

Regione Puglia: Consiglieri Pdl occupano aula consiliare e protestano contro Vendola

Calciomercato Milan: arriva Ogbonna a Giugno?