in

Primo trapianto di testa della storia: sarà eseguito nel 2017 da un neurochirurgo italiano in Cina

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero ad effettuare, nel 2017, il primo trapianto di testa della storia. A offrirsi volontario per l’intervento è stato il russo Valeri Spiridonov, un trentenne affetto dal morbo di Werding-Hoffmann, ovvero l’atrofia muscolare spinale. Essendo una malattia degenerativa il giovane ha deciso di tentare il trapianto della sua testa in un altro corpo, sebbene molti scienziati ritengono che le possibilità di successo siano quasi nulle. Statisticamente, infatti, la possibilità di riuscita è una su 17 mila, e sarà necessario il 100% di compatibilità sanguigna e di tessuti con il donatore.

Il dottor Canavero però è fiducioso, e in un articolo pubblicato dalla rivista Surgical Neurology International ha rivelato la procedura che metterà in atto. Il primo passo sarà quello di raffreddare il corpo (integro) di ricevente e donatore, per garantirne la sopravvivenza senza la testa. La parte più rischiosa dell’operazione sarà la sutura dei vasi sanguigni e dei tessuti muscolari. Infine il paziente sarà sottoposto per prima cosa a scariche elettriche per favorire il ricrearsi delle connessioni nervose, e poi ad un coma farmacologico di circa un mese. Non mancherà anche una lunga riabilitazione post operatoria.

La procedura si svolgerà in Cina, nella Harbin Medical University, e necessiterà della presenza di circa un centinaio di medici in sala operatoria. Questi ultimi dovranno sottoporsi a un training di due anni per raggiungere una perfetta coordinazione.

Photo Credit: Dimitry Kalinovsky/Shutterstock

caso piscaglia ultime news

Guerrina Piscaglia news, Mirco interrogato: arriva nuovo consulente difesa, ecco chi è

cecilia rodriguez e francesco monte preparativi matrimonio

Cecilia Rodriguez e Francesco Monte: amore e lavoro prima del matrimonio