in

Problemi di coppia? Ora ci sono i “pronto soccorso” sessuali

Crisi economica, crisi finanziaria, crisi lavorativa… ed ora anche crisi di coppia, con problemi spesso non gravi ma che se non vengono discussi e curati (spesso con facili rimedi) rischiano di degenerare in veri e propri atti di violenza che, a volte, si trasformano in cronaca nera.

coppia che litiga

A dirlo è Vincenzo Mirone, Segretario Generale di Società Italiana di Urologia (SIU): “I disturbi sessuali sono sempre più frequenti per colpa del troppo stress, della crisi economica che mette in discussione il `potere´ del maschio fuori e dentro la coppia, di modelli sessuali «facili» e di una pornografia soft a cui siamo continuamente esposti, che contribuiscono a ridurre il desiderio e le capacità sessuali. Proprio perché i problemi sono bilaterali per essere adeguatamente risolti devono essere affrontati considerando entrambi i componenti della relazione».

E in questa battaglia le coppie non saranno lasciate da sole. Ad ottobre, infatti, aprirà a Napoli il primo Dipartimento della Salute sessuale per la coppia, un ambulatorio in cui la sinergia tra ginecologi e urologi locali saranno di supporto a donne e uomini con problemi legati alla sessualità spesso distruttivi per la vita relazionare con l’altro partner. Quindi, oltre la SIU, all’iniziativa parteciperà anche l’Associazione ostetrici e ginecologi ospedalieri italiani (AOGOI) che prevedono per fine anno l’apertura di altri tre “pronto soccorso sessuale” in città principali come Milano, Roma e Palermo.

medico di coppia

Questo per venire incontro a 16 milioni gli italiani che hanno difficoltà all’interno della coppia a causa di patologie che riguardano entrambi i sessi, anche se i più restii a parlarne sono soprattutto gli uomini, che così facendo, finiscono per peggiorare la propria situazione relazionale e di salute. Ben 3 milioni di uomini soffrono di problemi più o meno importanti di disfunzione erettile, 4 milioni invece di eiaculazione precoce e 1 milione circa di calo del desiderio. Dal lato femminile i numeri sono uguali ma per problemi diversi: 4 milioni e mezzo di donne soffrono di anorgasmia, 1 milione circa di vaginismo e ben 2 milioni e mezzo di disturbi del desiderio.

Parlarne con uno specialista, dal punto di vista medico, è davvero importante e può aiutare le persone a superare quel senso di imbarazzo o di vergogna, soprattutto quando si scopre a non essere i soli (le sole) a soffrire di uno stesso “fastidioso” problema. Secondo le indagini, purtroppo il 90% degli uomini che soffrono di eiaculazione precoce, pur essendo consapevoli del problema preferiscono tacere  e non parlarne con il medico di famiglia, ignorando, così, l’esistenza di farmaci che ne curano la patologia.

coppia felice

E, come già accennato prima: “Non avere una buona salute sessuale comporta difficoltà nella relazione che possono anche esasperarsi fino alla violenza.” come ribadisce anche Antonio Chiantera, Segretario Nazionale Aogoi. “Talvolta i maltrattamenti entro le mura domestiche possono anche essere provocati dalla frustrazione dell’uomo, che sente di non riuscire a soddisfare la sua donna, ma non sa come gestire questa sua inferiorità e, quindi, reagisce con l’aggressività e la rabbia. E anche senza arrivare a tanto, una vita sessuale poco appagante provoca spesso la fine della relazione perché lui o lei cercano soddisfazione altrove”.

I Dipartimenti della salute sessuale serviranno, quindi a ristabilire un po’ di serenità ed armonia tra le coppie italiane. E a costi zero per il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) in quanto sorgeranno laddove negli ospedali già sono presenti ginecologi e urologi, i quali condivideranno questi ambulatori facendo pagare alla coppia un solo ticket di visita. In questo modo ci sarà anche un maggiore sgravio di lavoro per le strutture ospedaliere.

Insomma, l’iniziativa è destinata a riscuotere successo in tutta Italia, anzi in tutta Europa, visto che, una volta tanto, siamo i primi nel Vecchio Continente ad attuare un servizio sanitario importante come questo.

Seguici sul nostro canale Telegram

Marion Cotillard

Marion Cotillard sostituirà Natalie Portman in “Macbeth”

un medico in famiglia

Un Medico in famiglia anticipazioni: Flavio Parenti racconta il suo personaggio