in ,

Processo Costa Concordia, Schettino piange in aula: “Quel giorno sono morto anche io”

Sarà emessa a giorni la sentenza a carico di Francesco Schettino, unico imputato nel processo sul naufragio della Costa Concordia, avviatosi ormai alle sue fasi conclusive. L’ex comandante oggi ha rilasciato una dichiarazione spontanea in aula, a Grosseto, e non ha saputo trattenere le lacrime: “Sento di dire che il 13 gennaio 2012 sono in parte morto anche io”.

I suoi legali poco prima si erano opposti alla richiesta di 26 anni carcere fatta dalla Procura di Grosseto. “Sembra un ergastolo. In questi tre anni Schettino ha sofferto come nessun altro” – ha detto il suo avvocato, Domenico Pepe“È stato mortificato, offeso, ingiuriato in udienza, perseguitato”. Schettino vittima, condannato moralmente e dileggiato dai media, sostiene il legale; “In questi tre anni è come se avesse subito 30 anni di carcere. Se è responsabile lo si condanni, ma non dileggiamolo”, ha aggiunto Pepe.

anticipazioni the vampire diaries

The Vampire Diaries anticipazioni 6X14: l’addio di Jeremy e l’amore tra Caroline e Stefan

su Rai il Festival di Sanremo 2015

Stasera in tv: 65° Festival della Canzone Italiana e Trainspotting