in

Processo Maiorano-Renzi, Avv. Taormina: «Renzi non risponde sulla natura dei finanziamenti erogati da presidente della provincia»

La vicenda è quella della causa per diffamazione intentata da Matteo Renzi nei confronti del dipendente della provincia di Firenze Alessandro Maiorano. Il funzionario dell’ente toscano aveva definito “spese pazze” i finanziamenti erogati da Renzi in veste di presidente della Provincia di Firenze. «Renzi non risponde sulla natura dei finanziamenti erogati da presidente della provincia – ha dichiarato Carlo Taormina, legale di Maiorano – Se non fossero di natura istituzionale, è chiaro che sarebbero illeciti».

Processo Maiorano-Renzi, Avv, Taormina: «Renzi non risponde sulla natura dei finanziamenti erogati da presidente della provincia»

Taormina è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta da Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. »Noi – ha affermato Taormina – abbiamo prodotto una documentazione poderosa dalla quale risultano le erogazioni di somme a vario titolo, effettuate dalla provincia di Firenze quando Renzi era presidente. Si tratta di somme davvero imponenti. Le questioni sono due: la prima è capire se queste spese siano di carattere istituzionale, la seconda è se quanto erogato corrispondesse a quelle che potevano essere le esigenze legate all’esercizio delle funzioni della provincia. Non abbiamo avuto nessuna risposta rispetto alla indicazione e alla prova dell’utilizzo di queste somme per finalità istituzionali. C’erano migliaia di eventi organizzati dalla provincia, ma Renzi non ha saputo rispondere alla domanda se quelle somme erogate fossero realmente destinate a spese istituzionali. Manca di sapere se quel determinato evento o quel determinato finanziamento appartenesse o meno alle funzioni istituzionali della provincia. Se non fossero di natura istituzionale, è chiaro che sarebbero illecite. Su questo Renzi non ha risposto».

«Poiaggiunge Taorminac’è la grande quantità di denaro spesa dalla provincia, che secondo noi parla da sola e, in ogni caso, si tratta di somme sproporzionate che ruotano intorno ai 20 milioni di euro. La difesa di Renzi è che le somme sono state messe a bilancio e l’erogazione è stata controllata da Mef e Corte dei Conti, ma non ci ha detto se si trattava di spese istituzionali. Il controllo non basta perché è formale, non ricerca il motivo per cui le somme sono state erogate. Perché Maiorano si è interessato alle spese di Renzi? Perché aveva fatto una richiesta di essere trasferito in una località dove c’era la madre che poi è morta e lui attribuisce a Renzi il fatto che gli sia stato impedito, ma questo potremmo dire è un incipit. Si tratta di stabilire se queste somme potevano essere spese, se si accertasse che non potevano essere spese allora si passerebbe al secondo step. La procura di Firenze non ha mai fatto indagini su questa vicenda, nonostante gli atti che abbiamo fornito».

Leggi anche –> Renzi: un’altra fake news sulla moglie Agnese

Written by Andrea Monaci

48 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it, ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto tra gli altri per il "Lavoro e Carriere" e "Il Secolo XIX". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Bonus Trasporti Pubblici 2019: come funziona la detrazione per gli abbonamenti di treno, metro, bus e tram?

Orban: Parlamento Europeo vota a favore delle sanzioni all’Ungheria