in ,

Processo Meredith: Amanda e quella traccia ‘I’ (la seconda) sul coltello incriminato

Riparte il processo d’appello-bis per l’uccisione della studentessa inglese Meredith Kercher, la cui prossima udienza si terrà mercoledì 6 novembre. Le novità che saranno dibattute in aula riguardano il dato emerso dalla perizia svolta dai Ris e depositata stamane alla Corte d’Assise d’Appello di Firenze: appartiene ad Amanda Knox la traccia di Dna isolata sulla lama del coltello considerato l’arma usata per uccidere Meredith. E non è la prima: già un’altra fu evidenziata, durante il corso delle indagini per il processo di primo grado, proprio sul manico di quel coltello incriminato.Sollecito e il suo avv. Bongorno

Identificata come traccia ‘I’ -la cui attribuzione alla Knox fu a suo tempo ampiamente contestata- ora è diventata il fulcro su cui verteranno le argomentazioni di accusa e difesa durante il processo d’appello-bis. I Ris hanno infatti isolato su di essa il profilo genetico di Amanda, come già in precedenza fecero i periti della Corte d’Assise d’Appello di Perugia sulla lama di quel coltello sequestrato a casa di Sollecito.

La relazione depositata oggi in Corte d’Assise d’appello di Firenze dai periti Andrea Berti e Filippo Barni, recita così: “La valutazione complessiva delle risultanze interpretative poste in essere, consente di supportare in maniera estremamente significativa l’ipotesi che materiale genetico di Amanda Marie Knox sia presente nella traccia `I´ e che quindi Amanda Knox abbia contribuito con proprio materiale biologico alla traccia `I'”. In occasione dell’udienza del 6 novembre, come annunciato dal padre Francesco e confermato dall’avvocato Bongiorno (uno dei legali di Sollecito), dovrebbe presentarsi in aula anche Raffaele Sollecito che avrebbe l’intenzione di rilasciare spontanee.

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Rudi Garcia

Rudi Garcia, tecnico della Roma, protagonista su Twitter

Video calcio: Manchester City umilia il Norwich 7-0