in ,

Processo Pistorius: testimonia una ex fidanzata che rivela comportamenti inquietanti dell’atleta

Se i giudici dovessero ritenere attendibile la testimonianza di Samantha Taylor la posizione di Oscar Pistorius – nell’ambito del processo che lo vede accusato dell’omicidio della sua fidanzata, la modella Reeva Steenkamp – si aggraverebbe pesantemente. L’ex ragazza dell’atleta restituisce un ritratto assolutamente inquietante di Pistorius.

processo pistorius

La Taylor, soltanto diciassettenne ai tempi dei primi approcci con Oscar, lo ha conosciuto ad una partita di rugby in seguito alla quale l’uomo l’ha cercata e contattata mediante Facebook. Dopo circa un anno di frequentazione la storia tra i due sarebbe naufragata proprio a causa dei reiterati tradimenti di Pistorius con la povera Reeva con la quale, successivamente, sarebbe iniziata una convivenza.

Samatha Taylor racconta la morbosità che Pistorius avesse per le armi; secondo i racconti della giovane l’atleta dormiva con una pistola carica sul comodino. Emerge il quadro di una persona irascibile incapace di rinunciare a girare senza un’arma sottomano. Armi che Pistorius usava, secondo il racconto della sua ex, in maniera assolutamente scellerata e fuori luogo: “Un giorno siamo stati fermati dalla polizia per eccesso di velocità. Quando ci hanno intimato di scendere dall’auto il poliziotto ha notato la pistola di Oscar sul sedile; lui si è infuriato e ha intimato all’agente di non toccarla.” Ma la parte più agghiacciante della vicenda deve ancora venire: “Oscar si è infuriato per un blocco del traffico, eravamo in macchina  fermi ad un semaforo rosso e lui ha esploso un colpo in aria con furia cieca. Dopo averlo fatto mi ha guardata e si è messo a ridere.

amichevole inter

Mercato, Inter: in Europa circolano i nomi del post Mazzarri

Celta Vigo

Mercato, Fiorentina: ipotesi Luis Enrique per il dopo Montella