in

Professore ucciso, Cosimo Errico video a luci rosse: famiglia sotto shock, cosa sta emergendo dalle indagini

Professore ucciso ad Entratico: Cosimo Errico, il docente di chimica dell’istituto Natta ucciso il 3 ottobre alla Cascina dei Fiori situata tra Entratico e Borgo di Terzo di cui era proprietario, sarebbe stato tra i protagonisti dei numerosi video hard trovati nel casolare, teatro dell’efferato crimine. Rapporti sessuali di gruppo immortalati con diverse telecamere trovate dai carabinieri nei locali della cascina, orge tra adulti, uomini e donne, riguardo alle quali ora gli inquirenti stanno indagando al fine di capire se siano collegate al movente dell’omicidio del docente. Aggredito alle spalle a sprangate, ferito alla nuca, testa e mani da qualcuno – forse due persone poiché i Ris hanno trovato le impronte di due scarpe diverse sul suo sangue nel pavimento – che dopo ha dato fuoco al corpo, posizionandolo accanto al frigorifero per inscenare un incendio accidentale da cortocircuito. Messinscena smascherata dagli inquirenti, i quali hanno subito notato che la mano assassina aveva spento l’interruttore della corrente, dimostrando dunque di conoscere bene i locali della cascina in cui si è consumato il delitto.

La pista investigativa dei lavoratori pagati in nero, extracomunitari, delle cui prestazioni il docente si serviva, non ha portato alla scoperta di elementi decisivi per chiarire il giallo. Nei giorni si fa invece sempre più plausibile l’ipotesi che i festini hard e i video delle orge possano in qualche modo essere collegati al movente dell’omicidio. Non è detto, infatti, che tutti i protagonisti dei video fossero a conoscenza del fatto che i rapporti sessuali venissero ripresi dalle telecamere. Forse vi sarebbero dei ricatti dietro quei filmati. Certo è che il professor Cosimo Errico a scuola si mostrava gentile e mite, nel privato e con le persone frequentate nella cascina a luci rosse aveva invece un temperamento litigioso e aggressivo. Lo hanno riferito tanti testimoni ai carabinieri, dicendo anche che i rumori, gli schiamazzi (alcuni festini diventavano dei veri e propri rave party) notturni e lo strano via vai nella Cascina dei Fiori infastidiva i residenti della zona i quali avevano anche fatto delle segnalazioni alla amministrazione comunale.

Una doppia vita e personalità, quelle del prof Errico, che emergono sempre più nitide e distinte dalle indagini. Pare anche che l’uomo non avesse un buon rapporto con il figlio, il ragazzo che l’ha trovato cadavere ed ha dato l’allarme. Nella cascina ma anche all’esterno sono stati trovati indumenti intimi, reggiseni, slip maschili e femminili. Adulti nudi fuori dai locali sarebbero stati visti da un testimone. Sequestrate anche pastiglie di Viagra e Cialis. Sconvolge il fatto che di giorno quella cascina ospitava delle scolaresche in quanto adibita ad attività didattiche per bambini. La famiglia del professore si è chiusa in un comprensibile silenzio, è sotto shock per la sconvolgente verità che le indagini stanno facendo emergere.

Leggi anche: Professore ucciso, Cosimo Errico aveva una doppia vita: scoperta scioccante nella cascina dove è stato massacrato

Frosinone, mamma di tre figli sorpresa a rubare in un supermercato, le altre signore le riempiono il carrello

Fabriano, la storica azienda della carta, pronta a nuove assunzioni in Italia