in

Professore ucciso e bruciato a Entratico: dieci fendenti, c’è già una pista ben precisa

Professore ucciso a Bergamo: Cosimo Errico, 58 anni, sarebbe stato ucciso a colpi di accetta e poi dato alle fiamme per cancellare ogni eventuale traccia del crimine. L’arma del delitto ancora non è stata trovata. Ieri mattina i carabinieri di Bergamo e le unità cinofile hanno setacciato la zona attorno alla fattoria didattica “Cascina dei fiori” di via Chiosi, a Entratico, dove il docente gestiva una attività didattica per bambini e non solo. Si tratta di una zona di campagna dove giovedì sera il professore è stato brutalmente assassinato.

Qualche elemento è già stato repertato sulla scena del crimine: si tratta due un fazzoletto sporco di sangue e una bottiglia rotta, che saranno analizzati. All’interno della cascina è stata trovata la tavola imbandita, e ora gli investigatori stanno passando al vaglio tutti i filmati delle telecamere di video sorveglianza della zona, nella speranza che abbiano ripreso il passaggio dell’assassino. L’esito dell’esame autoptico ha rivelato la presenza sul cadavere di almeno sette ferite cagionate da un grosso coltello, a lama lunga e liscia. Circa una decina di fendenti al collo, alla nuca, alla parte alta della schiena e alle mani. A scuola Errico aveva un atteggiamento diverso da quello manifestato in cascina, decisamente più aggressivo. Così vogliono le indiscrezioni di queste ore. Potrebbe dunque essere plausibile che avesse avuto delle divergenze con qualcuno per via del suo comportamento.

La prima ipotesi al vaglio della magistratura è che il delitto sia maturato nell’ambito lavorativo interno alla cascina per mancati pagamenti a uno o più dipendenti, extracomunitari, alcuni nordafricani e pakistani ospitati al centro per richiedenti asilo di Vigano San Martino, che il professore utilizzava nei lavori alla fattoria e che, riferiscono le indiscrezioni, la vittima pagava in nero, poco e non con regolarità. Si registrano in passato segnalazioni a suo carico per omessi contribuiti. L’omicidio potrebbe anche essere stato commesso da più persone, forse due, che conoscevano il luogo del delitto e nell’appiccare il fuoco avrebbero voluto inscenare la morte per folgorazione. Finora sono state sentite 25 persone, nella maggior parte stranieri, gente del paese e comunque che in qualche modo frequentava la fattoria. Le indagini proseguono.

Leggi anche: Bergamo, insegnante trovato morto carbonizzato: sul corpo segni inquietanti

Gessica Lattuca news: ecco l’ex datore di lavoro, è coinvolto nel giallo? (FOTO)

Terremoto Haiti ultime news: almeno 11 morti e 150 feriti