in ,

Progettualità fotografica parte 3: scatto, postproduzione e conclusione

Il lavoro di progettualità fotografica non si esaurisce con la mera programmazione dello scatto, ma include anche l’eventuale post produzione e la conclusione del lavoro, con la quale si scelgono le foto e le si organizza per poterle mostrare. In fase di scatto tenete sotto mano lo storyboard e verificate costantemente che il lavoro che state eseguendo sia conforme a quanto programmato. Molto probabilmente durante la realizzazione delle foto incapperete in imprevisti ai quali non avevate pensato, cercate di trovare una soluzione rapida che vi permetta di non allontanarvi troppo dal progetto.

Una volta realizzate le foto occorre eseguire una selezione delle immagini migliori che sono effettivamente aderenti al progetto iniziale. Scegliete con cura, prestando attenzione anche alla qualità dello scatto. Poi si passa alla post produzione, questo processo sarà influenzato da tutto il lavoro di pianificazione effettuato in precedenza. Ricordate che la post va eseguita in modo da avvicinarsi il più possibile alla vostra idea iniziale. Se avete lavorato bene in fase di stesura del progetto avrete già in mente come post produrre le fotografie.

Ora che le vostre fotografie sono pronte occorre organizzarle per poterle mostrare. Le vie da seguire sono tantissime, anche in questo caso occorrerebbe avere già stabilito come mostrare le foto. Si può realizzare un libro, un audiovisivo, una stampa di grande formato, oppure installazioni più complesse come fotografie retroilluminate, e molto altro ancora. L’unico limite oltre alla vostra capacità di spesa è la vostra fantasia.

Carlos Tevez Boca Juniors

Juventus senti Tevez: “Sto giocando male, non mi sento a mio agio”

Mika e il legame con sua madre

Mika concerti 2016, cinque nuove tappe italiane: a luglio sarà a Roma