in

Programma Movimento 5 Stelle: lavoro, disoccupazione e famiglia, la nuova proposta di Luigi Di Maio

Il Movimento 5 Stelle pubblica la prima versione del contratto di governo che vuole proporre a Lega e Partito democratico. L’annuncio è arrivato da Luigi Di Maio: “Come sapete, il 12 aprile scorso ho incaricato il professor Giacinto Della Cananea”, si legge in un post sul Blog delle Stelle, “di comporre un comitato scientifico per studiare le convergenze programmatiche tra il Movimento 5 Stelle e i due partiti con i quali è in corso un dialogo per il governo: la Lega e il Partito democratico. Il professore ha lavorato senza sosta per dieci giorni e ha redatto un primo schema di accordo, che andrà approfondito insieme alla forza politica che accetterà di sedersi al tavolo con noi. Come emerge anche dal documento, il Movimento 5 stelle non ha nessuna intenzione di perdere la sua identità politica in un governo di coalizione classico, anche perché la distanza dalla Lega e dal Partito democratico su molti temi decisivi e sui mezzi per realizzarli rimane netta”. Ecco quali sono le proposte in ambito lavoro, disoccupazione e famiglia.

Leggi anche: Contratto alla Tedesca di M5S 

Programma Movimento 5 Stelle: giovani e famiglia

Nel documento presentato questa mattina, lunedì 23 aprile 2018, da Luigi Di Maio si legge che “le parti concordano sull’urgenza di costruire un futuro per giovani e famiglie”, sottolineando come “sia di primaria importanza prevenire e punire tutte le forme di violenza contro le donne o i bambini” e rimarcando “la necessità di politiche di sostegno alle famiglie”. Tra le misure da adottare ci sono “l’espansione della rete dei servizi per la prima infanzia e dei servizi per la cura delle persone a carico; l’espansione del sostegno monetario al costo dei figli e la promozione, anche attraverso coerenti politiche di incentivazione, della possibilità di combinare lavoro e responsabilità familiari; un salario minimo; una maggiore flessibilità”. Si sottolinea poi come sia per i giovani, sia per le imprese è necessario “investire sulla formazione”.

Programma Movimento 5 Stelle: contrasto alla povertà e disoccupazione

Per contrastare povertà e disoccupazione si punta a “un potenziamento dei sistemi attuali di sostegno al reddito, volto anche al superamento della frammentazione attuale”. “Con l’eccezione dei trasferimenti indirizzati al sostegno al costo dei figli e a coloro i quali non sono in grado di lavorare, le parti – si legge nel contratto del Movimento 5 Stelle – condividono la necessità di associare il sostegno del reddito alla promozione dell’attivazione, di ripensare le politiche attive del lavoro in vista di una migliore qualificazione del capitale umano e della facilitazione dell’incontro fra domanda e offerta di lavoro. Esse promuoveranno una regolazione del mercato tesa a garantire retribuzioni adeguate”.

Veronica Satti fidanzata: chi è la compagna della figlia di Bobby Solo?

Amici 17, la mamma di Biondo scrive ad Heather Parisi: “Si scusi con mio figlio”