in ,

Psg, Zlatan Ibrahimovic dice addio: “Sono una leggenda”

“Zlatan punto e a capo.” è uno degli slogan più in voga nell’ambiente calcistico degli ultimi anni, ne sanno qualcosa i tifosi della Juventus, del Milan e dell’Inter, tutte squadre in cui Ibrahimovic ha fatto il bello e il cattivo tempo, collezionando successi su successi seppur mancando sempre la Champions League. Obiettivo fallito anche con il PSG, squadra in cui Ibrahimovic ha militato nelle ultime stagioni vincendo una serie infinita di premi personali e collezionando trofei da mettere in bacheca. A dare l’annuncio dell’addio al “Parco dei Principi” è stato lo stesso Ibrahimovic che, su Twitter, ha scritto: “Domani la mia ultima partita al Parco dei Principi.”

TUTTO SUL MONDO DEL CALCIO CON URBANPOST!

E fin qui tutto normale, un addio risaputo e sospettato da tanti. Fa sorridere, in pieno stile Ibrahimovic, la seconda parte del messaggio cinguettato in cui sottolinea come lui sia arrivato: “Da re e me ne vado da leggenda.” Insomma, le quattro stagioni con la casacca del PSG gli hanno consentito di diventare idolo assoluto della tifoseria transalpina. Basta snocciolare qualche numero per capire l’ego di Ibrahimovic: Zlatan, solo in quest’ultima stagione, ha messo a segno ben 36 reti in sole 30 partite disputate.

Adesso siamo pronti a vivere una serie di destinazioni fantacalcistiche per Zlatan Ibrahimovic: quale squadra nel suo futuro? La Premier League, ad esempio, potrebbe fare al caso suo essendo l’unico campionato, insieme alla Bundesliga, in cui non si è misurato. Oppure un ritorno al Malmo, squadra per cui ha sempre tifato; o ancora, perché no, destinazione Cina o Stati Uniti. Difficile, invece, rivederlo in Italia ma con Galliani in agguato mai dire mai.

facebook

Aggiornamento Facebook: Messenger introduce chat segrete con crittografia end-to-end, autodistruzione dei messaggi e foto a 360 gradi

festa musica torino 2016 programma

La Festa della Musica di Torino sta per tornare: in programma oltre 200 concerti gratuiti