in

Quando si riunisce il nuovo Parlamento

 L’11 marzo i neoeletti saranno accolti in Parlamento per gli adempimenti di rito: si dovranno munire di tesserino e foto.

Il 15 marzo si terrà la prima seduta delle nuove Camere. I deputati eletti in più circoscrizioni devono decidere a quale desiderano appartenere.

Il 16 marzo l’elezione dei Presidenti di Camera e Senato è il primo adempimento del Parlamento.

Il 18 marzo i parlamentari dovranno dichiarare a quale gruppo intendono aderire.

Il 20 marzo i gruppi sono convocati per eleggere i rispettivi presidenti.

Il 21 marzo iniziano le consultazioni del presidente Napolitano con i capogruppo per la nomina del presidente del Consiglio.

Il 15 aprile il parlamento sarà convocato in seduta comune per eleggere al Quirinale il successore di Giorgio Napolitano.

Il 15 maggio scade il mandato di Napolitano.

Avere un governo che affronti tutte queste scadenze istituzionali è fondamentale. Assolutamente necessario. Il Presidente della Repubblica d’intesa con Palazzo Chigi sarebbe anche disponibile ad anticipare la convocazione delle camere dal 15 marzo, che è un venerdì, al 12 marzo , martedì. Solo tre giorni che permetterebbero di guadagnare una settimana, le turbolenze dei mercati e le inquietudini dell’Europa, quasi ci impongono un’accelerazione, per non perdere sul terreno tutti i sacrifici che nell’ultimo anno gli italiani hanno sopportato.

Seguici sul nostro canale Telegram

Stasera a Le Iene: politica, sanità, furti di dati e gli Ultras da Nicole Minetti

Stasera in tv su La7 “I Borgia”, nuova e discussa serie