in

Quanti microbi nelle nostre case!

141016_microbes

Ogni casa è pieno di milioni di batteri, e vi sono sempre più prove che suggeriscono che queste comunità microscopiche svolgono un ruolo determinante nella salute e nella malattia umana.

Jack Gilbert, del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti / Argonne National Laboratory (Illinois, USA), e colleghi riportano risultati del Home Microbiome Project che ha seguito sette famiglie (18 persone, 3 cani e 1 gatto), nel corso di sei settimane.
Ai partecipanti allo studio sono stati effettuati tamponi su mani, piedi e naso ogni giorno per raccogliere campioni delle popolazioni microbiche che vivono su di essi. Sono stati prelevati anche campioni su superfici in casa, tra cui maniglie delle porte, interruttori della luce, pavimenti e controsoffitti. I campioni sono stati inviati all’Argonne National Laboratory, dove i ricercatori hanno effettuato analisi del DNA per caratterizzare le diverse specie di microbi in ogni campione.

I ricercatori hanno scoperto che in una casa in cui alcuni degli occupanti sono in una relazione, accade che la coppia condivida anche molti microbi. Le coppie sposate e i loro figli condividono la maggior parte della loro comunità microbica. La presenza di animali domestici aggiunge generalmente batteri delle piante o del suolo a quelli presenti nel nucleo famigliare.

Lo studio suggerisce che esiste una complessa interazione tra uomo e microbi che vivono su e intorno a noi.

Integratori per il Sistema Immunitario

Written by Monia Trentarossi

36 anni, Amministratore di AntiAging Club, il primo sito dedicato all'AntiAging, in partnership con AMIA, Associazione Italiana Medici AntiAging. Consulenza medica specialistica e vendita online di prodotti Antiaging delle migliori marche.
Vive a Milano, appassionata di viaggi in giro per il mondo, sport (fitness, vela, sci...) cinema e buone letture. Per UrbanPost scrive di Benessere.

Calciomercato Milan

Milan ultimissime, Inzaghi punta forte su Torres ed El Shaarawy

Come costruire un profilo Linkedin efficace? Ecco i consigli