in ,

Quanto bisogna aspettare prima di sposarsi? Scoprilo in base alla tua personalità!

Ogni tanto mi capita di fare un salto nella mia vecchia Varese per sbaciucchiarmi i miei e spupazzarmi i miei amici storici. Già che ci sono, riesco ad infilarci sempre dentro due-tre commissioni in centro giusto da portare a casa la giornata, per intenderci. In una delle svariate vasche in corso, sento una vocina in lontananza:

Maaaaaaargheeeeeee!!! Margheeee!!!

Mannaggia a me e alla mia pessima memoria da far sembrare Dory – pesciolino di Nemo – una dilettante. Morale della favola: era Irene, che non vedevo dai tempi delle medie. Avete in mente la classica ragazza tutta casa-chiesa-libri e bigottismo allo stato puro? Ecco, lei. Beh, signore e signori… Udite udite: anche Irene si sposa! Dico “anche” perché, a quanto pare, questo morbo devastante sta colpendo tutte, dalle più disilluse in amore alle meno romantiche per antonomasia. Alt, dico io, alt! Fatemi almeno capire…:

Ma dai! E da quanto state insieme?” dovevo capire cosa stesse dietro alla palese quanto sconvolgente metamorfosi di Irene, reduce da una storia di 11 anni con un certo Loris e cosparsa di fiori d’arancio insieme a questo nuovo Simone a distanza di soli…

7 mesi! E siamo felicissimi…” tutta tronfia, sventolandomi sotto al naso un anello plurisberluccicante.

Sette mesi??? Così poco? Ma stiamo scherzando? Se io mi fossi dovuta sposare con i miei ex a distanza di così pochi mesi a quest’ora sarei diventata collezionista di divorzi, su! Mi consulto al telefono con Marta:

Ti rendi conto? 11 anni con quel poveretto e manco le è passato per l’anticamera del cervello di sposarsi. Poi arriva quest’altro e in quattro e quattr’otto ha già l’abito bianco steso sul letto! Ma com’è possibile?

Marta la saggia, come sempre, ha la risposta giusta al momento altrettanto giusto:

Sai quante ne ho sentite di storie di questo tipo, tesoro? Anche la figlia della Betty: 13 anni con uno, si molla, tempo un mese ha trovato un altro, perde la testa e… in 5 mesi hanno annunciato le imminenti nozze! Chissà. Forse ci si ostina a mandare avanti relazioni già morte e sepolte nell’illusione che possano ripartire dal via. Si arriva ad un punto di non ritorno e… Il primo giusto che passa in quel momento e che incarna ogni nostra aspettativa repressa nell’infinito rapporto passato scatena ogni nostro più recondito entusiasmo e ci porta a dire: sì, lo voglio! Sarà anche la paura di non buttare via altre decine di anni appassendo, per carità… eppure… Così è!”. Boom: colpito e affondato!

Fatemi riflettere un secondo, però. Valeria – mia migliore amica nonché attuale cognata – e mio fratello si sono sposati dopo 10 romanticissimi anni di storia. Cosa li ha portati ad aspettare così a lungo? Alti e bassi da affrontare, direte voi? E invece nulla di tutto questo! Idem per Selene – altra mia amica del cuore: ha affiancato Marco all’altare dopo quasi quattro anni di relazione e si amano ogni ora più di prima (sono quasi imbarazzanti per la quantità di amore che fanno trasudare dalla pelle). Se tutti fossimo come Irene, avrebbero dovuto coronare il loro sogno dopo massimo un annetto… Vi pare?

Al che, finalmente, il mio amico Stefano – felicemente sposato da oltre 15 anni e senza corna annesse per smezzare la monotonia – ha provveduto ad illuminarmi sull’argomento:

Marghe: quando è il momento giusto, lo senti! Punto e basta. Sia esso dopo un anno, tre, dieci o una manciata di mesi. Non conta la quantità di tempo passato insieme ma la qualità. Puoi stare anni con uno e non provare mai quello che un altro, in tre mesi, riesce a smuoverti dentro. E’ tutto qui, nel petto. Poi c’è da aggiungere che la proposta parte dal cuore, sale verso il cervello e viene filtrata dal nostro modo di essere: ed eccoti qui la risposta. Le persone razionali e caute, attenderanno comunque qualche mese (o anno) in più nonostante abbiano già chiaro in mente il loro obiettivo. Altre – e tu Marghe, secondo me, rientri in queste – vivono assecondando l’istinto e le emozioni forti, indi per cui… Superata una certa età e un certo numero di relazioni non se lo lasciano ripetere due volte!

Mmm… Quel “superata una certa età” mi puzza tanto di essere umano in fase di putrefazione con data di scadenza risalente al 1998. Ha sicuramente ragione Stefano, sì, ma… qualcosa non mi torna! Sposarsi a distanza di così poco tempo suona più come una scommessa, incentivata probabilmente dal fallimento delle storie precedenti. Della serie: con gli altri non ho provato nulla di tutto questo… In fin dei conti è sempre andata male… A sto punto peggio non potrà andare! Adesso sono così felice che mi conviene assecondare questo mood prima che evapori nell’etere. Giusto?

La verità , amiche e amici, è che non c’è una risposta giusta o sbagliata alla domanda “Quanto bisogna aspettare prima di sposarsi?”.

Probabilmente, quando arriva il momento giusto il nostro cuore fa una chiamata diretta al cervello spronandolo a svegliarsi e a dire “sì, lo voglio”. Solo una domanda, scusate: in caso trovasse occupato, può lasciare un messaggio in segreteria?

Film in uscita al cinema ottobre 2015, Belli di papà trama e trailer

Film in uscita al cinema ottobre 2015: “Belli di papà”, trama e trailer

expo eventi 19 ottobre

Milano Expo 2015: programma eventi di lunedì 19 ottobre