in

Quanto Costano gli Artigli di Wolverine?

Sicuramente per la Fox gli artigli di Wolverine sono molto costosi ma anche remunerativi.
Il sito cinemablend riporta una notizia del tabloid americano National Enquirer, secondo cui la Fox avrebbe offerto a Hugh Jackman un cachet di 100 milioni di dollari per girare altri quattro film nel ruolo di Wolverine.

Mica male il costo dell’adamantio, non è vero?
In fondo la Fox fa bene a sfruttare il personaggio. Wolverine è sicuramente l’eroe fra i più amati di tutto l’universo X-Men, il più riconoscibile. L’attore australiano ha vestito il panni di Wolverine in ben sette film, ovvero è stato sui nostri schermi per quasi 10 anni. Quindi il suo volto e il suo personaggio sono scolpiti nella memoria degli spettatori ma Jackman potrebbe essere stanco di questo ruolo.
Così sembra che la Fox abbia deciso di pagarlo profumatamente.

Tuttavia Jackman non si è sbilanciato e non ha ancora preso una decisione.
Non capita tutti i giorni che ad un attore venga offerto questo tipo di compenso ma Hugh non sembra interessato a rinchiudersi in offerte che comportano film con sequel dopo X-Men“, avrebbe detto un amico “anonimo”.

Il National Enquirer è un tabloid non sempre affidabile ma questo potrebbe essere uno scoop vero; forse non per la cifra ma sicuramente l’interesse della Fox a proseguire le avventure del personaggio è reale.
Dalla vendita di merchandising targato X-Men emerge chiaramente che Wolverine è il personaggio più amato, quello capace di tirare le vendite, senza considerare che è l’unico fra tutti ad aver avuto ben due film indipendenti.
Inoltre Jackman non è facile da sostituire perchè il personaggio non invecchia, è sempre lo stesso quindi non è possibile sostituire l’attore con qualcuno di più giovane.
L’unica soluzione sarebbe quella di fare un reboot completo della serie ma probabilmente costa meno il cache di Jackman.

L’ultima parola spetta all’attore australiano che, nonostante il successo e la notorietà planetari ottenuti grazie al suo personaggio, non si è cristallizzato in un ruolo fisso ma ha continuato a mettere alla prova le sue abilità di attore, cimentandosi con generi diversi dal drammatico fantasy L’albero della vita di Darren Aronofsky al thriller con The Prestige, senza dimenticare la sua attitudine al canto.
Lo scorso anno è stato Jean Valjean nel musical Les Miserables di Tom Hooper per il quale si è guadagnato anche una nomination agli Oscar.

In attesa che la storia raccontata dall’Enquirer venga sviscerata e controllata, rimane il fatto che Jackman ad un certo punto dovrà decidere se rimanere o allontanarsi dall’universo X-Men.
Dopo Wolverine – L’immortale vorresti vedere un nuovo film con altre avventure dell’uomo dalle lame di adamantio?

Written by Federico Elboni

Laureato in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Pisa, appassionato di tecnologia (del mondo Apple in particolare), letteratura, psicologia e fotografia, amante del cinema e operatore cinematografico da anni, prima dell'avvento del digitale.
Su Urban Post si occupa di Cinema.
Lavora come project e content manager.

Stasera in diretta Tv: C.S.I. Scena del Crimine e Circo Estate 2013

Letta: tagli su auto blu e voli di Stato, così il governo tenta di diminuire la spesa pubblica