in ,

Quarto Grado stasera anticipazioni: Sara Di Pietrantonio, il killer di Budrio e Denis Bergamini

Sara Di Pietrantonio, Igor, il killer di Budrio e Denis Bergamini: ecco i casi di cui si occuperà Gianluigi Nuzzi, insieme a Elena Tambini durante la puntata di Quarto Grado di stasera, venerdì 5 Maggio 2017, una puntata in onda alle 21:15 circa su Rete 4: sono questi i temi della serata secondo le ultime anticipazioni riguardanti la trasmissione che si occupa da sempre dei maggiori casi di cronaca nera.

In primis vi sarà il caso riguardante il delitto di Sara Di Pietrantonioproprio perché c’è grande attesa per la sentenza nei confronti di Vincenzo Paduano, accusato di aver strangolato la studentessa ventiduenne e di averle poi dato fuoco lungo la Magliana. Cosa è successo il 29 maggio scorso? Cosa ha protato Paduano a compiere un gesto così efferato? Durante il processo l’ imputato per omicidio volontario premeditato, distruzione di cadavere, stalking e incendio, consapevole di quanto ha fatto, ha detto: “Chiedo scusa, anche se so che non sarò perdonato. Non chiedo sconti di pena“.  I giudici accoglieranno al richiesta del pm che vorrebbe per Paduano l’ergastolo?

Gianluigi Nuzzi, nella puntata di Quarto Grado di stasera, si occuperà nuovamente della caccia al killer di Budrio, ovvero Igor il russo. A che punto sono le indagini? Da oltre un mese centinaia e centinaia di uomini sono sulle sue tracce, ma nessuno è ancora riuscito a catturarlo e ad assicurarlo alla giustizia. La gente che abita nei paesini della zona rossa fra Ferrara e Bologna ha sempre più paura.

A Quarto Grado si parlerà, infine, della morte di Donato Denis Bergamini, calciatore del Cosenza il cui cadavere fu trovato sulla strada statale Jonica nel novembre 1989, dopo essere stato investito da un camion. Il caso era stato archiviato come suicidio, ma qualcosa pare essere cambiato. A distanza di molti anni il corpo del giocatore verrà riesumato. Cosa si riuscirà a scoprire con le tecniche più avanzate usate al giorno d’oggi?

Monopoli, anziani spinti dagli scogli: “È stato uno scherzo”

Roma manichini impiccati al Colosseo, ultras Lazio: “Opera nostra, ma niente scuse”