in ,

Quattro vini toscani in abbinamento con le ricette tipiche di questa regione

I vini ed i prodotti tipici della Toscana sono apprezzati in tutto il mondo e non è un caso che questa regione sia nell’immaginario di molti, in Italia come all’estero, sinonimo di cubi gustosi e genuini e di ottimo vino, insomma appaia come la regione del bere e mangiar bene.

In questo articolo vi proponiamo quattro vini toscani, tra i più famosi ed apprezzati di questa regione, con gli abbinamenti più adatti di ricette tipiche toscane, selezionati con l’aiuto degli esperti di Signorvino.

1) Chianti Classico: Se la Toscana è la punta di diamante dell’enologia italiana possiamo dire che il Chianti Classico sia il re dei vini toscani (e non). Dal colore rosso rubino intenso, all’olfatto avvolgente e speziato con note floreali, rotondo in bocca, armoni co, asciutto e con una buona tannicità. L’abbinamento più classico, ma mai scontato è con una buona fiorentina, ma questo vino si sposa perfettamente anche con la selvaggina, quindi è l’ideale per un ragù di cinghiale, ma anche per un piatto di pici al ragù di Chianina e perché no con una ribollita.

2) Il Bolgheri Rosso è un vino DOC prodotto nella provincia di Livorno. Dal colore che varia dal rosso rubino al granato, con un odore intenso e al palato asciutto e armonico. Il Bolgheri rosso si sposa perfettamente con il Cacciucco, la celebre zuppa di pesce livornese, dimostrando che con il pesce non si accompagnano perfettamente solo i vini bianchi.

3) Brunello di Montalcino: Il Brunello di Montalcino è un vino prodotto nella zona dell’omonimo borgo. Questo rosso si presenta con un colore granato limpido e brillante, con un profumo intenso, ampio e persistente con settori di frutti, sottobosco e legno aromatico. Al gusto il Brunello di Montalcino si presenta come un vino corposo e aromatico, tannico e asciutto con una lunga persistenza. Questo vino è perfetto per un aperitivo in abbinamento a formaggi dal sapore molto forte come le tome stagionate o il pecorino toscano stagionato, con piatti come i Tagliolini al tartufo, ma anche con la selvaggina ad esempio le pappardelle al sugo di lepre o il fagiano con castagne.

4) Bianco di Pitigliano: Il Bianco di Pitigliano è un vino prodotto in Maremma dal colore giallo paglierino con riflessi verdolini, delicato all’olfatto e asciutto, vivace, morbido e con un fondo amarognolo al palato.

Questo vino è molto versatile e può essere abbinato alla panzanella toscana, a zuppe come l’acqua cotta, ma anche a preparazioni a base di pesce, rane e lumache.

Foto: Shutterstock / Samot

guerrina piscaglia ultime news

Guerrina Piscaglia ritrovamento resti ossei: news cimitero di Sestino

eventi expo 1 ottobre

Milano Expo 2015: programma eventi di giovedì 1° ottobre