in

Raffaele Pisu è morto, addio al popolare attore: aveva 94 anni

Addio a Raffaele Pisu, attore, conduttore, comico italiano amatissimo dal grande pubblico. Fratello di Mario Pisu, ha esordito ai microfoni di Radio Bologna nell’immediato dopoguerra in trasmissioni di varietà, e ha combattuto come partigiano. Poi il doloroso internato in Germania per 15 mesi. Si è spento, come riporta “Repubblica” nella notte all’hospice di Castel San Pietro, nel Bolognese. Raffaele Pisu aveva 94 anni: era nato sotto a Bologna il 24 maggio del 1925.

Raffaele Pisu, un attore a 360°: con disinvoltura passava dal dramma alla commedia

Straordinario, poliedrico, un artista completo. Raffaele Pisu era in grado di passare dal dramma alla commedia, sapeva far ridere e piangere, era capace di strimpellare le corde del cuore della gente: dal capolavoro Italiani brava gente di Giuseppe De Santis, del 1965, presentato in versione restaurata all’ultima Festa del Cinema di Roma, al pupazzo televisivo Provolino, amato dai più piccoli negli Anni Settanta. Raffaele Pisu ha recitato in film molto noti come Ridere! Ridere! Ridere!, regia di Edoardo Anton (1954), I pappagalli, Bruno Paolinelli (1955), Padri e figli, regia di Mario Monicelli (1957), Susanna tutta panna, regia di Steno (1957), solo per citarne alcuni. Senza contare poi i musicarelli che avevano per protagonista Gianni Morandi, quali In ginocchio da te, di Ettore Maria Fizzarotti (1964), Se non avessi più te, (1965) e Non son degno di te (1965)e la partecipazione negli Anni Sessanta a trasmissioni indimenticabili come “L’amico del giaguaro”, “Ma che domenica amici” e “Senza rete”. Raffaele Pisu ha saputo reinventarsi: nel 1989 ha condotto “Striscia la notizia” su Canale 5 insieme a Ezio Greggio. Un modo per farsi conoscere dalle nuove generazione e per rinverdire il rapporto speciale con il pubblico, che ne ha sempre apprezzato l’umorismo, la versatilità e il talento.

L’addio commovente del figlio Antonio: «Ciao papà che il viaggio ti sia lieve!»

La sua ultima apparizione da protagonista è stata nella commedia noir “Nobili bugie” del 2018 diretto dal figlio Antonio Pisu e che aveva come produttore il figlio naturale, scoperto solo pochi anni prima, Paolo Rossi. E Raffaele Pisu, che si è spento circondato dall’affetto dei suoi cari, è morto nel giorno del compleanno del figlio Antonio, che su Facebook ha postato un messaggio commovente: «Abbiamo riso, sperato, sperperato e goduto. Insieme. Sempre. Grazie per avermi reso per sempre quel bambino con un sacco di avventure stupende da raccontare vissute insieme al suo papà. Quella felicità però me la ricordo ancora troppo bene e muoio dalla paura di non ritrovarla mai piú. Ciao papà che il viaggio ti sia lieve!».

leggi anche l’articolo —> Alessandra Panaro morta: scomparsa a 79 anni l’attrice di “Poveri ma belli”

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Diletta Leotta Instagram: rose rosse per lei, ma il suo stacco di coscia ruba la scena (FOTO)

valerio staffelli seconde nozze

Valerio Staffelli, seconde nozze: «Non amo mia moglie come il primo giorno, ma molto di più»