in ,

Ragazza 18enne morta di leucemia, il padre si difende: il rifiuto della chemio “è stata una scelta consapevole”

Il padre della ragazza 18enne di Padova morta di leucemia per aver rifiutato di sottoporsi alla chemioterapia non ci sta alle polemiche sorte sui media e, in un’intervista al Corriere della Sera, risponde a tutti quelli che accusano lui e la moglie di essere gli assassini della figlia.

Eleonora Bottaro, 18enne di Bagnoli in provincia di Padova, è morta ieri dopo una leucemia diagnosticatale ad inizio anno: una vera e propria tragedia alimentata dal fatto che, davanti alla proposta di intervenire con la chemioterapia, i genitori si erano rifiutati optando invece per il ricovero in una clinica svizzera in cui viene utilizzata la tanto discussa cura ideata da Ryke Geerd Hamer a base di cortisone e Vitamina C. Dopo le polemiche sorte su giornali e testate online, il padre ha deciso quindi di difendersi e far luce su quanto accaduto in un’intervista pubblicata sul Corriere della Sera: “Mia figlia ha rifiutato soltanto la chemioterapia. E l’ha fatto perché aveva visto morire una sua cara amica, con la quale condivideva la classe e il gruppo scout. Le raccontava tutto ciò che stava passando, quelle sofferenze che poi si sono rivelate inutili. E quando è toccato a lei, Eleonora mi ha detto: ‘Papà, io non ci sto’. È stata una scelta consapevole” ha spiegato l’uomo, probabilmente stanco di passare per l’assassino della propria figlia.

Lino Bottaro, padre della Giovane Eleonora, continua spiegando “Lei implorava solo di essere curata in qualunque modo, purché non le capitasse di soffrire come la sua amica. I medici svizzeri non hanno fatto altro che continuare con le altre cure tradizionali, le stesse che funzionavano quarant’anni fa, prima che la chemioterapia divenisse un imperativo. È stata trattata solo con cortisone e altri farmaci…”: la giovane padovana, insomma, avrebbe scelto autonomamente di rifiutare le cure tradizionali in favore del metodo alternativo di Hamer. Lino Bottaro, infine, spiega al giornalista del Corriere della Sera il senso del messaggio apparso qualche tempo fa sulla sua pagina Facebook dicendo “Sa a chi era destinato quel commento? All’ex direttore di un famoso giornale nazionale. Avevo ragione, e infatti è guarito. Per quanto riguarda il caso di mia figlia, la leucemia è rigenerazione. È una fase di nuova vita: chi la supera diventa un uomo nuovo, chi non la supera muore”.

detto fatto novità, detto fatto caterina balivo, detto fatto tutor, detto fatto tutorial, detto fatto nuova stagione, detto fatto quando torna in tv,

Detto Fatto novità: nuovi tutor in cucina per la nuova edizione

Pioli nuovo allenatore Inter

Inter rosa completa 2016/2017 e numeri di maglia