in

Ragazza violentata in Circumvesuviana a San Giorgio a Cremano, fermati tre giovani: «Sono degli animali!» [VIDEO]

Violentata in pieno giorno nell’ascensore della stazione Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano.  La comunità è ancora sotto shock, incredula: come è stato possibile che nessuno si sia accorto di quanto stava accadendo. Fortunatamente le «bestie» di San Giorgio a Cremano hanno un volto e un nome: questa notte dopo un attento esame delle telecamere di videosorveglianza sono stati individuati i tre aggressori: si tratta di tre ragazzi tra i 18 e i 20, italiani e incensurati, tutti residenti nell’area vesuviana. Fondamentale è stata anche la testimonianza della ragazza, originaria di Portici, che agli inquirenti ha raccontato di conoscere di vista i tre. Ora sono accusati di violenza sessuale di gruppo.

 

Ragazza violentata in Circumvesuviana a San Giorgio a Cremano: arrestati tre giovani

Le indagini, condotte dal commissariato di San Giorgio a Cremano, guidato dal dirigente Pasquale Toscano e dalla squadra mobile, coordinate dal pool “Fasce deboli” della Procura, diretto dal procuratore aggiunto Raffaello Falcone, sono riusciti ad individuare in poche ore i tre stupratori. E adesso è il momento della rabbia, dello sdegno oltre che del dolore e della paura, perché a nessuna altra donna succeda. La violenza si sarebbe consumata mentre le porte dell’ascensore, tenuto bloccato al piano, si aprivano e chiudevano. Tutto è stato ripreso dalle telecamere di video sorveglianza della stazione: proprio queste ultime hanno incastrato i tre ragazzi, per i quali è stato disposto l’esame del Dna e il sequestro dei cellulari. Durissimo lo sfogo del presidente Eav (Ente autonomo Volturno), Umberto De Gregorio, che ha affermato: «Ho visto quel video. E sono sconvolto dalle immagini. Sono degli animali!». Senza parole anche il sindaco Giorgio Zinno che ha dichiarato: «Impossibile pensare che un crimine del genere avvenga nella nostra città, ancora più impensabile che nessuno veda!».

La 24enne è stata ritrovata in condizioni pietose: «Sono degli animali!»

Dopo la brutale aggressione la ventiquattrenne è stata soccorsa e trasportata all’ospedale più vicino. Con gli abiti lacerati e sotto shock ha raccontato al telefono alla madre di aver subito violenza. Nel frattempo una telefonata anonima arrivata intorno alle 18 ha avvertito le forze dell’ordine: la ragazza è stata trovata in un angolo della stazione in condizioni pietose. Purtroppo non potrà mai dimenticare quei terribili momenti, nessuno potrà lavare via quelle immagini.

leggi anche l’articolo —> Testimone di Geova abbandonata dalle figlie per aver accettato una trasfusione? Come stanno davvero le cose

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Elisa incredibile retroscena sul marito Andrea: «Lui stava con una corista che era molto mia amica!»

Michele Morrone e Elena D’Amario, baci hot a Trastevere: ma lui non è sposato?