in ,

Ragazzo non ammesso a scuola a Parma, perché la madre senza soldi per la retta

Un ragazzo di 17 anni, studente iscritto all’Istituto Professionale Primo Levi di Parma, è stato lasciato fuori dalla classe per cinque ore, mentre tutti i suoi compagni continuavano a fare lezione normalmente. Perché?

“Mio figlio è stato fuori perché non aveva il libretto che viene dato quando si fa il versamento di 130 euro. Gli è stato detto che non poteva entrare fino a quando non pagava la retta”, le parole della madre, che era senza soldi per pagare la retta.

La madre ha proseguito, dicendo: “L’anno scorso ho pagato metà retta, 60 euro, facendo sacrifici, ma questa volta non siamo riusciti a pagare. O prendevo i libri o pagavo la tassa. E ho preso i libri: 200 euro”. La scuola ha risposto che alla famiglia del ragazzo era stato chiesto un incontro per delineare insieme almeno i contributi obbligatori, che comprendono l’assicurazione e il libretto, ma Massimo Barezzi, vicepreside della scuola, ha detto: “La madre non si è vista in presidenza, ma la storia è finita sul giornale”.

Liguria alluvionate diverse città Chiavari sott'acqua

Chiavari: due dispersi a Leivi, nubrifagi e trombe d’aria si teme la piena del fiume Magra

Calciomercato Milan

Calciomercato Milan news: accelerata per Suso e Illaramendi