in ,

Ragazzo ucciso durante festino a Roma, droga usata potrebbe essere stata alterata

Continuano le indagini sull’omicidio di Luca Varani, il giovane di 23 anni ucciso a Roma durante un festino a base di droga e alcol nella tarda serata di sabato; è proprio sull’uso di stupefacenti che gli inquirenti starebbero concentrando le attenzioni in queste ultime ore visto che da quanto emerso dalle indagini ci potrebbe essere stata un’alterazione delle sostanze assunte che potrebbe aver indotto Manuel Foffo e Marco Prato ad agire in modo così efferato senza motivo.

Secondo quanto emerso dagli interrogatori infatti, i due giovani non avevano avuto istinti omicidi fino al 4 marzo, anche se l’assunzione di cocaina e il festino nell’appartamento di via Giordani era iniziato già due giorni prima: “Con Marco, dopo averne parlato, non ci siamo spiegati le motivazioni di quel gesto” continuano a raccontare i due indagati e questo ha portato le forze dell’ordine a voler analizzare meglio la droga assunta.

Nella cocaina infatti, il cui aumento sarebbe stato alto proprio in concomitanza con le ore precedenti all’adescamento di Varani e all’omicidio, potrebbe essere stata tagliata con sostanze che l’avrebbero alterata; è scattata così la caccia ai pusher che hanno venduto la droga a Foffo e Prato, in attesa di chiudere il cerchio di questa tragedia.

Premier League

Chelsea – PSG ora diretta tv e streaming gratis Champions League

Stefano De Martino nuova fidanzata Diletta Puercher

Stefano De Martino gossip: Belen archiviata, ecco la sua nuova fiamma