in ,

Ravenna omicidio Giulia Ballestri: 3 impronte del marito su tracce sangue in villa delitto

Clamorosa ultim’ora e svolta nelle indagini sull’omicidio di Giulia Ballestri, la 40enne massacrata a bastonate il 16 settembre scorso nella villa di famiglia disabitata sita nel centro di Ravenna. Sarebbero state individuate dai Ris tre impronte digitali del marito Matteo Cagnoni, in carcere perché sospettato dell’omicidio, sulle tracce di sangue che l’accusa presume essere della vittima, isolate dalla Scientifica nella villa degli orrori e che “saranno oggetto di perizie scientifiche” nell’ambito di due incidenti probatori che si svolgeranno domani in procura a Ravenna, scrive Adnkronos.

L’importante particolare sarebbe emerso nel corso dell’udienza al Tribunale del Riesame di Bologna. Si tratterebbe di tre tracce appartenenti all’indagato, trovate in luoghi diversi rispetto al punto in cui è stato rinvenuto il cadavere di Giulia Ballestri, martoriata da almeno dieci bastonate al torace e alla testa.

Leggi anche: Ravenna omicidio Giulia Ballestri: ricostruiti i movimenti del killer nella villa degli orrori

Matteo Cagnoni, stimato dermatologo fiorentino e volto noto della tv, dal carcere, appresa la notizia, non avrebbe proferito parola. Il medico non parla dal giorno in cui è stato in silenzio davanti al magistrato che lo aveva convocato per un secondo interrogatorio. Di ora in ora si fa sempre più concreto il movente ipotizzato dagli inquirenti: Cagnoni avrebbe ucciso la moglie, dalla quale suo malgrado si stava separando, animato da rabbia e gelosia per la relazione extraconiugale della donna. Nei prossimi giorni il tribunale del Riesame dovrà pronunciarsi sulla sua richiesta di essere trasferito ai domiciliari con braccialetto elettronico.

Grande Fratello Vip Antonella Moosetti

Grande Fratello Vip, Giulia De Lellis: “Asia mantenga le distanze da Andrea”

schiacciare brufoli causa morte

Brufoli e punti neri sul viso: schiacciarli può essere letale