in

Reddito di cittadinanza 2019, come funziona la RDC card: «I soldi non spesi tornano allo Stato!»

Reddito di cittadinanza e Quota 100, Quota 100 e reddito di cittadinanza, sono queste le parole chiavi più ricercate su Google nelle ultime ore. Del resto ambedue i provvedimenti interessano ad una buona fetta di italiani: da un lato a quelli che hanno perduto la propria occupazione e sperano di rientrare nel mercato del lavoro, dall’altro a coloro che giunti al termine della carriera sognano l’agognata pensione. Nel corso della conferenza stampa Luigi Di Maio, il ministro del Lavoro, ha voluto chiarire alcuni punti a proposito del reddito di cittadinanza. Nello specifico il vicepremier ha spiegato che i soldi non spesi sulla card entro il mese tornano nelle casse dello stato: «Chi non spenderà entro il mese i soldi con la card li perderà». Questo per evitare che i “furbetti” possano accumulare il denaro con la speranza di aggirare i controlli e di fare acquisti non consentiti.

«I soldi non spesi sulla card tornano allo Stato»

Questo significa in altre parole che l’ammontare del Reddito di cittadinanza accreditato sulla carta elettronica simile a un bancomat, o meglio ancora ad una poste-pay, dovrà essere speso per intero dalla famiglia che ne beneficerà, altrimenti il rimanente tornerà al fondo del ministero dell’Economia. Luigi Di Maio ha chiarito fiducioso ed entusiasta dell’obiettivo raggiunto: «Il reddito di cittadinanza è una misura che deve iniettare nell’economia i miliardi che stanziamo, pensiamo che i nuclei che li riceveranno saranno motore per l’economia e la crescita economica. Le persone lo meritano, sono state massacrate dai precedenti governi».

RDC card come funziona?

Ma come funziona la RDC card? È una domanda lecita che in tanti si stanno ponendo. Innanzitutto è bene chiarire che con il reddito di cittadinanza non si può acquistare ogni bene, per esempio è escluso il gioco d’azzardo, come ha confermato lo stesso Di Maio. Gli acquisti poi dovrebbero rientrare nei 100 euro per individuo, cifra che si alza fino a 210, nel caso di un intero nucleo familiare. Il sussidio verrà accreditato come già detto sulla RDC card, in più l’utente avrà a disposizione un’app per effettuare pagamenti online tramite smartphone o tablet. La RDC card sarà erogata da Poste italiane e sarà dotata di un dispositivo che consentirà allo Stato di monitorare le spese fatte volta per volta dal beneficiario. 

leggi anche l’articolo —> Reddito di cittadinanza 2019 approvato: ultime novità e requisiti per ottenerlo

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Matera 2019 inaugurazione

Matera, capitale europea della cultura 2019: l’inaugurazione e tutti gli eventi

IMU e Tasi 2019: come ottenere la visura catastale