in

Reddito di cittadinanza e Quota 100, via libera del Senato: tutte le novità, cosa cambia

Il «Decretone» è legge. L’aula del Senato ha approvato in via definitiva il dl 4/2019 contenente il reddito di cittadinanza e la riforma delle pensioni Quota 100, di cui si è tanto discusso negli ultimi giorni. 150 sì, 107 no e 7 astenuti, così si è svolta la votazione. A favore i gruppi parlamentari della maggioranza, M5S e Lega; hanno votato per il «no» invece FdI, Pd e FI. Astenuti i gruppi di Autonomie e Leu. Presente anche Giuseppe Conte, che è apparso parecchio soddisfatto: «L’Italia è un Paese con saldi fondamenti economici, il risparmio privato è consistente, il surplus commerciale è molto buono: abbiamo tutte le ragioni per stare assolutamente tranquilli, per lavorare e guardare con fiducia al futuro». Un bel giorno secondo il premier che ha aggiunto: «Abbiamo approvato delle misure di cui la popolazione aveva bisogno e che aiuteranno la crescita perché avranno un impatto sui consumi nel momento in cui c’è una congiuntura internazionale non favorevole!». 

Reddito di cittadinanza e Quota 100: via libera del Senato

Cosa cambierà? Quali sono le modifiche apportate al testo originale? Beh, le novità sono parecchie:  dalla task force con assunzioni di Carabinieri e agenti della Guardia di Finanza alla nuova stretta sui genitori single, dal riscatto agevolato per la laurea alla pensione erogata anche in contanti. Dobbiamo dire però che la conversione in legge del decreto recepisce senza modifiche il testo approvato con il voto di fiducia della Camera il 20 marzo scorso. Dunque vediamo insieme nel dettaglio tutto quel che c’è da sapere.

Norma Anti clan Spada: Chi ha subito una misura cautelare personale o comunque è stato condannato con una sentenza non definitiva per mafia o terrorismo non potrà fare richiesta del reddito di cittadinanza.

Riscatto della Laurea Under 45: Tolto di mezzo il tetto dei 45 anni, tuttavia permane il limite temporale del 1996. Questo vuol dire che possono fruire della prevista detrazione del 50% solo coloro che sono “privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995”.

Famiglie con disabili fino a 50 euro in più: un mini aiuto per le famiglie che hanno componenti con disabilità. Ritoccate la scala di equivalenza e i requisiti patrimoniali per permettere alle famiglie numerose con disabili di avere fino a 50 euro in più al mese di beneficio del reddito di cittadinanza. Si passa quindi da un minimo di 1.330 euro a massimo 1.380 euro. Favorito pure l’accesso alla pensione di cittadinanza anche nei casi in cui uno o più componenti, pur avendo età inferiore ai 67 anni, siano in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza. Il costo della misura dovrebbe essere di circa 12,8 milioni nel 2019 e di 16,9 milioni nel 2020.

Cambiamenti per l’INPS: istituita la figura del vice presidente. Un nuovo incarico che avrà il compito di sostituire il presidente nel caso in cui quest’ultimo sia assente.

Task force con Carabinieri e Guardia di Finanza: per incrementare i controlli sul reddito di cittadinanza 100 assunzioni di nuovi ispettori della Guardia di Finanza e altre 65 assunzioni tra i carabinieri che dovranno contrastare il lavoro in nero.

Navigator: Dopo l’accordo con le Regioni, il numero dei navigator si riduce a 3mila.

Stretta sui genitori single: Nel calcolo dell’Isee per chiedere il reddito di cittadinanza sarà inserito anche il genitore non convivente o non sposato. L’obbligo viene meno soltanto se uno dei due si è sposato o ha avuto figli con altri partner o se c’è un assegno di mantenimento stabilito dal giudice.

Pensione Cittadinanza Cash: potrà essere erogata anche in contanti e non solamente tramite la Carta del reddito.

– Norme anti-furbetti: Se la separazione o il divorzio sono avvenuti dopo il 1° settembre 2019, per poter ottenere il reddito di cittadinanza è necessario che il cambio di residenza sia certificato da un verbale della polizia locale.
– Nuovi Paletti agli stranieri: I cittadini extra Ue potranno percepire l’assegno solo con la certificazione sul nucleo familiare del loro stato di provenienza.
– Datori di lavoro sotto controllo: chi licenzia coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza prima di 3 anni dall’assunzione dovrà restituire il bonus maggiorato delle sanzioni civili, a meno che il licenziamento avvenga per giusta causa.
– Maggiore privacy per i beneficiari: Lo Stato non potrà assolutamente controllare le singole spese dalla card per il reddito di cittadinanza proprio per rispettare le norme privacy.
– Apprendistato: Un emendamento di Leu prevede degli incentivi alle imprese che assumono i beneficiari del reddito “anche mediante contratto di apprendistato” e non soltanto con contratti a tempo indeterminato.

leggi anche l’articolo —> Reddito di cittadinanza, il numero delle domande presentate: quando arrivano conferma e soldi dall’Inps

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Bambina salva grazie all’autotrapianto polmonare, l’intervento al Gaslini di Genova

Diletta Leotta risponde ad Andrea Iannone, avrà accettato il corteggiamento?