in

Reddito di cittadinanza, importo basso: conviene comunque accettare il sussidio?

La scorsa settimana sono arrivate le prime conferme da parte dell’Inps circa il reddito di cittadinanza. Come avrete letto non è mancato il disappunto di coloro che hanno ricevuto una cifra bassa o comunque inferiore alle aspettative. Nonostante l’importo medio sia di 520 euro, non sono state poche le persone che hanno visto riconosciuto un sussidio di appena 40 euro. Una sorpresa? Beh, i parametri che determinano l’importo del reddito di cittadinanza sono diversi e bisogna tenerne conto. La domanda delle domande è: vale la pena accettare anche se la cifra è irrisoria? Conviene? È opportuno rifiutare o no? Cerchiamo di valutare.

reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza, italiani delusi per gli importi bassi

A determinare il calcolo del reddito di cittadinanza il mutuo, la composizione del nucleo familiare, l’affitto solo per citare alcuni fattori. Il sussidio base è di massimo 500 euro al mese, vale a dire, 6000 euro l’anno, ma perché l’importo per alcuni è arrivato più basso? In virtù del fatto che il reddito di cittadinanza nasce come integrazione al reddito del nucleo familiare. Un esempio? Una famiglia, la cui somma dei redditi arriva a 3.000 euro al mese, non potrà superare i 250 euro al mese. Senza contare poi che decisiva è la composizione del nucleo familiare: per ogni componente maggiorenne il coefficiente aggiuntivo è pari a 0,4, e per ogni minorenne a 0,2. A chi toccherà intascare 780 euro per il reddito di cittadinanza? Solamente a chi possiede un reddito pari a zero e vive in una casa in affitto spetterà la cifra più alta: ossia 500 euro di contributo integrativo al reddito e 280 di bonus affitto.

Reddito di cittadinanza: vale la pena accettare anche se l’importo è basso?

Chi ha ricevuto un importo basso cosa deve fare? Conviene in ogni caso accettare il sussidio, anche se si tratta di poche decine di euro. Innanzitutto è giusto dire che chi percepisce il reddito deve rispettare tutta una serie di obblighi, non si tratta soltanto di accogliere il denaro caricato sulle carte di cui si è tanto discusso. Chi incassa il reddito di cittadinanza deve partecipare per tutta la durata dell’inserimento ad attività socialmente utili e sarà coinvolto nei tanti progetti organizzati dai Centri per l’impiego. Questo cosa vuol dire? Significa che chi accetta il reddito di cittadinanza deve comunque rendersi disponibile. Ad ognuno spetta valutare e fare le proprie considerazioni: accettare o non accettare, questo è il problema.

leggi anche l’articolo —> Reddito di cittadinanza 2019, lamentele per gli importi troppo bassi: «40 euro soltanto? Vergogna!»

 

 

Pordenone, grave incidente: morti due giovani di 19 e 16 anni

Baby George, il soprannome che potrebbe tradire la volontà di Kate e William