in

Reddito di cittadinanza, l’allarme dell’Ocse: «è troppo elevato rispetto ai salari»

È stato pubblicato il rapporto annuale Employment Outlook, in cui l’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, meglio conosciuta come Ocse, ha espresso la sua posizione sul reddito di cittadinanza. Secondo questi «la misura rappresenta un trasferimento di risorse importante» verso i soggetti meno abbienti, ma andrà comunque controllata proprio perché il livello è molto alto «rispetto ai salari italiani, soprattutto in certe aree del Paese e il suo design, il modo in cui è stato immaginato, non è purtroppo adeguato alla sfida».

Reddito di cittadinanza, il rapporto dell’Ocse: sussidio anti-povertà promosso ma con riserva

Nel documento, a cui hanno lavorato anche due economisti italiani Stefano Scarpetta e Andrea Garnero, si legge che il reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia del Movimento 5 stelle, pensato per contrastare la povertà, potrebbe non funzionare per due motivi: in primo luogo perché esso avvantaggia i single più che le famiglie ed è poi troppo elevato rispetto alla media degli stipendi nel paese, soprattutto se si pensa al Meridione. In virtù di questo, alcuni soggetti potrebbero ritenerlo un’ingiustizia o pensare addirittura di rifiutare un lavoro. Diciamo che l’opinione dell’Ocse sul reddito di cittadinanza non è del tutto negativa, ma ci sono comunque delle criticità con cui fare i conti. Problemi, da non sottovalutare. Non si può non tenere conto del contesto storico, il reddito di cittadinanza avviene in una fase economica di stallo, che andrebbe affrontata con riforme strutturali. Pensate che l’Italia è l’unico Paese Ocse con una crescita negativa dei livelli reddituali dal 2000 in poi; senza contare che i posti di lavoro temporanei sono cresciuti nell’ultimo decennio e sono arrivati al 15,4%, una media superiore rispetto a quella dell’area Ocse ferma all’11,2%.

Reddito di cittadinanza, come risolvere le criticità secondo l’Ocse

Come si legge nel testo l’Italia «manca di personale qualificato e di strumenti informatici e di risorse adeguate e, per queste ragioni, la qualità dei servizi è bassa e varia notevolmente attraverso il paese. Oltre ad ulteriori risorse, occorre migliorare il coordinamento tra le autorità centrali e quelle regionali responsabili dell’implementazione delle politiche attive, anche attraverso linee guida comuni per un miglioramento dei servizi per l’impiego». Ma non è finita qui, perché la situazione nel nostro paese migliori e il reddito di cittadinanza si riveli un’arma vincente «oltre ad ulteriori risorse occorre migliorare il coordinamento tra le autorità centrali e quelle regionali responsabili dell’implementazione delle politiche attive“.

leggi anche l’articolo —> Reddito di cittadinanza, navigator bando Anpal pubblicato: requisiti, scadenze, come candidarsi [GUIDA COMPLETA]

 

 

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Harry e Meghan, ecco quanti soldi porterà la nascita del Royal Baby

Saldo e stralcio e rottamazione ter Agenzia Entrate: ultimi giorni per aderire