in

Reddito di cittadinanza, Nicola Zingaretti a sorpresa: «Io non lo abolirei, è una misura contro la povertà, ma…»

Durante la registrazione di Quarta Repubblica su Rete 4 Nicola Zingaretti ha sorpreso tutti dicendo di non essere contrario al reddito di cittadinanza, il sussidio pensato dal Movimento 5 stelle per contrastare la povertà nel nostro paese e che sin dagli esordi ha suscitato non poche polemiche.

Nicola Zingaretti: «Io non abolirei il reddito di cittadinanza, ma…»

«Io non abolirei il reddito di cittadinanza. Ma farei anche altre politiche per il lavoro. Il reddito di cittadinanza può essere corretto ma è una politica contro la povertà. Oggi in Italia mancano politiche per creare lavoro e sviluppo!», ha affermato il Segretario del Pd, che ha attaccato però il Governo e nello specifico il Vice Presidente del Consiglio e Ministro del Lavoro Matteo Salvini. «La vera sfida sarà mettere tutte le risorse sul taglio del cuneo fiscale dal lato del lavoro, per aumentare gli stipendi bassi. Dobbiamo fare una grande battaglia sui salari», ha detto Zingaretti, che rivendica quindi una maggiore equità fiscale. Meno positiva l’opinione di questi sull’anticipo pensionistico voluto dalla Lega «Quota 100 cadrà il prossimo anno perché la taglieranno loro, non ci sono i soldi per finanziarla!». Su Matteo Salvini Nicola Zingaretti, presidente della regione Lazio, ha dichiarato: «È molto bravo a raccontare i problemi. Peccato che non riesca a risolverli i problemi…», parole molto dure.

Nicola Zingaretti: dalla mancata alleanza con il Movimento 5 stelle al Caso Siri

Se il governo dovesse cadere cosa farebbe Nicola Zingaretti? «Se si dovesse arrivare alla crisi, convocato dal presidente della Repubblica chiederò che siano gli italiani a decidere chi deve guidare il Paese», ha affermato il Segretario del Pd, che comunque esclude ogni alleanza con il Movimento 5 stelle. Il Presidente della Regione Lazio auspica, infatti, che si torni presto a votare, cosicché i cittadini possano esprimere la propria preferenza. Le ultime battute di Nicola Zingaretti, che dall’età di 17 anni si dedica con passione e dedizione alla politica, che ha trionfato alle primarie del Pdf lo scorso 3 marzo 2019, sono state indirizzare al caso Siri, di cui si sta tanto discutendo in questi ultimi giorni. «Il governo si sostiene su una maggioranza di parlamentari. Se la maggioranza dei parlamentari Cinque Stelle dice che se ne deve andare, allora Siri se ne deve andare!». 

leggi anche l’articolo —> «Reddito di cittadinanza non fa ripartire l’Italia!», l’affondo di Salvini: intanto oltre un milione le richieste nel paese

Grande Fratello 16, scontro tra Valentina Vignali e Soleil Sorge

Antonio Conte dice no alla Roma: Inter sempre più vicina?