in

Reddito di cittadinanza, percepiva il sussidio, ma lavorava in nero: palermitano denunciato

Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nel frattempo lavorava in nero. Per questa ragione i carabinieri di Partanna Mondello hanno deciso di denunciare un palermitano di 52 anni, che aveva ottenuto la card con l’importo erogato di 300 euro. L’uomo è stato sorpreso dalle Forze dell’ordine nel corso di un controllo portato avanti dagli uomini del Nucleo Ispettorato del lavoro. Si trattava proprio di verifiche volte a provare che i percettori dell’assegno minimo fossero in regola.

Reddito di cittadinanza, palermitano percepiva il sussidio, ma lavorava in nero

Secondo quanto riportato da “Il Fatto quotidiano” e “TgCom24”, il 52enne è stato trovato mentre stava facendo dei lavori di ristrutturazioni nel cantiere edile di Sferracavallo, un borgo non lontano da Palermo. Ma non è tutto, i carabinieri si sono resi conto anche che la ditta per la quale l’uomo lavorava non era iscritta alla Camera di commercio. Una doppia scoperta per le forze dell’ordine: il titolare dell’impresa, infatti, è stato denunciato «per omessa visita medica e formazione del personale, mancata redazione del piano operativo di sicurezza e nomina del medico competente». Ovviamente la ditta è stata sospesa e la carta del reddito di cittadinanza è stata messa sotto sequestro. Al titolare è arrivata una sanzione di 7.200 euro, a cui si aggiungeranno circa 60 mila euro di ammende.

Il secondo caso di truffa denunciato in Sicilia

Si tratta del secondo caso truffa segnalato in pochi giorni da LiveSicilia. Il primo, infatti, risale a circa di dieci giorni. In quella circostanza i carabinieri avevano denunciato una coppia di coniugi in un comune delle Madonie, sempre in provincia di Palermo. Le forze dell’ordine hanno scoperto che una signora aveva presentato domanda per il reddito di cittadinanza senza comunicare che il marito, operaio pure lui in un cantiere edile, come il 52enne del caso sopra, lavorava in maniera irregolare. Ovviamente i carabinieri hanno denunciato la coppia e il socio-amministratore della ditta edile per violazioni delle norme di sicurezza sul lavoro. Una sanzione di 5 mila euro senza contare le ammende per 52 mila euro.

leggi anche l’articolo —> Reddito di cittadinanza, la storia di Roberto: «La mia richiesta rischiava di essere respinta per un accento…»

Banksy a Venezia, esposizione non autorizzata: allontanato da piazza San Marco

Diletta Leotta, fan scatenati su Instagram: il completino da tennis è “illegale”