in ,

Referendum contro la Buona Scuola: raccolte le firme, a rischio la legge n.107?

Che la Buona Scuola di Renzi abbia fatto storcere il naso a molti, è ormai storia nota. Ma forse in pochi immaginavano la possibilità di essere potenzialmente vicini all’abrogazione della riforma della scuola voluta dal ministro Stefania Giannini, a un anno di distanza dal suo debutto.

Eppure i numeri parlano proprio di questo: come riportato da La Repubblica, contro la “buona scuola” sono già state raccolte 530mila firme, quanto bastano cioè, per richiedere un referendum abrogativo. Stamattina il comitato promotore consegnerà il plico di firme alla Corte di Cassazione, con l’obiettivo di chiedere la cancellazione di quattro articoli di legge, ovvero il finanziamento alle scuola private, l’alternanza scuola-lavoro, i poteri dei dirigenti scolastici e i comitati di valutazione che avrebbero assegnato premi agli insegnanti più meritevoli.

SCOPRI TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU URBAN POST!

Insomma, pare che la mobilitazione dei sindacati del settore scuola sia riuscita a mettere in discussione il “cuore” della riforma. OrizzonteScuola.it riferisce che in via precauzionale il comitato promotore si è riservato qualche giorno in più per controllare il materiale pervenuto prima di consegnarlo alla Cassazione per la verifica formale (errori come la non certificazione o la mancata autenticazione comporterebbero, infatti, l’annullamento delle firme interessate).
In apertura: foto tratta dalla pagina Facebook Contro la B(u)ona S(cu)ola

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

pesce spada alla mediterranea ricetta

Pesce spada alla mediterranea [Videoricetta]

Usa, bambina di 3 anni trova pistola si spara alla testa e muore