in ,

Referendum Costituzionale Sondaggi, gli ultimi aggiornamenti a tre settimane dal voto

Mancano tre settimane al fatidico sì o no del Referendum Costituzionale. Cresce l’attesa per capire se la Legge Boschi diventerà realtà oppure verrà cassata dal popolo che andrà a esprimersi, in cabina elettorale, domenica 4 dicembre 2016. Intanto, secondo gli ultimi sondaggi realizzati da Ixè sarebbe in vantaggio il No di 3 punti percentuali. Secondo le ultime notizie, infatti, dovrebbe avere la meglio il partito d’opposizione, ovvero quello formato dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega Nord, con un 40% di preferenze rispetto al sì che, invece, viene dato al 37%. Se si va a prendere in esame il trend “partito per partito”, i democratici hanno pochi dubbi: come riporta Ixè, infatti, il sì sarà votato dal 71% del PD mentre il fronte del no vedrà protagonisti leghisti (61%) e pentastellati (71%).

>>> TUTTO SUL REFERENDUM COSTITUZIONALE <<<

C’è un dato che dovrebbe allarmare Matteo Renzi: secondo Roberto Weber, direttore di Ixè, la continua crescita dell’elettorato porterà a un aumento del fronte del “no”. Per quanto riguarda, invece, i sondaggi sulle preferenze politiche, si nota come il Partito Democratico abbia guadagnato un risicato 0,1% (33,5%) mentre il Movimento 5 Stelle sia passato dal 29,1% al 28,5% con 0,6 punti percentuali persi. Scende anche la Lega Nord con 0,5% in meno (chiude al 12,9%) mentre Forza Italia trova slancio passando dal 9,5% al 10,8%.

>>> TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SULLA POLITICA ITALIANA <<<

Infine, secondo gli ultimi sondaggi politici effettuati da Ixè si può annotare come Matteo Renzi e il suo governo abbiano guadagnato un punto nelle preferenze (33% e 31%). Beppe Grillo e la Meloni restano al secondo posto con 21% di preferenze mentre Di Maio e Salvini al 18%. Il Cavaliere, Silvio Berlusconi, chiude al 14%.

Moto Gp Valencia

Moto Gp Valentino Rossi news: calcio shock nel paddock di Valencia

auto

Preventivo assicurazione auto e moto economica online: quale conviene, come funziona