in , ,

Referendum sul divorzio: 42 anni dopo come è cambiata l’Italia

Il 12 e il 13 maggio 1974 gli italiani si recarono alle urne per un referendum molto importante che avrebbe cambiato la società civile dell’epoca; i cittadini furono infatti chiamati durante il referendum abrogativo del 1974 a decidere se cancellare o meno la legge sul divorzio approvata quattro anni prima e che portava il nome dei due primi parlamentari firmatari: Fortuna e Baslini. L’approvazione popolare per il mantenimento della legge cambiò radicalmente usi e costumi italiani e 42 anni dopo abbiamo davanti agli occhi un’Italia radicalmente diversa: in meglio o in peggio?

Nel 1974 la vittoria del ‘no’ al referendum abrogativo sul divorzio con 19.138.300 voti, ovvero il 59,26% degli aventi diritto al voto, segnò radicalmente non solo all’epoca la società italiana. In quegli anni infatti la vittoria del ‘no’ decretò una svolta a sinistra delle decisioni politiche ma nel corso degli anni il mantenimento del divorzio portò alla formazione di una società del tutto nuova, composta anche da famiglie monogenitoriali, famiglie allargate e, ovviamente bambini con i genitori divorziati.

Il mantenimento della legge sul divorzio con il referendum del 1974, oltre a dare una sferzata alla linea politica italiana tenuta fino ad allora, fu il primo segnale del cedimento del potere della Chiesa sui cittadini: uno dei sacramenti poteva essere rotto attraverso una legge di stato. Di contro però questo diede nuova spinta ai movimenti femministi italiani che videro nel divorzio una nuova possibilità per tutte quelle donne, specialmente nel sud, sottomesse al marito. Malgrado l’importanza della legge, avrebbero dovuto aspettare il ricambio generazionale per vedere effettivamente le donne sfruttare la legge sul divorzio per riprendere in mano le proprie vite e lasciare uomini che non le rendevano felici. E’ infatti a partire dal 1995 che, secondo i dati Istat, il numero dei divorzi è in continua crescita; inoltre i matrimoni più recenti sembrano durare di meno: mentre le unioni celebrate nel 1985 interrotte dopo sette anni erano il 4,5%, nel 2005 erano 9,3%.

Credit Foto: alejandro dans neergaard / shutterstock

Uomini e Donne Trono Over protagonisti

Anticipazioni Uomini e Donne oggi 12 Maggio: in onda il trono classico o il trono over?

freddy sorgato ricrso in appello

Isabella Noventa, Freddy Sorgato pratiche estreme a letto: interrogate le sue ex