in ,

Reggio Calabria, stupro di gruppo: minorenne violentata per 2 anni, arrestato il ‘branco’

Una storia sconvolgente quella che giunge oggi, venerdì 2 settembre, da Reggio Calabria: una ragazzina di 14 anni sarebbe stata vittima di uno stupro di gruppo, ripetuto e continuato nel tempo, per due anni.

I dettagli raccapriccianti della vicenda son emersi solo ora: i suoi aguzzini – 10 persone, 8 delle quali tratte in arresto e accusate oltre che di violenza sessuale di gruppo aggravata anche di lesioni, detenzione di materiale pedopornografico e atti persecutori – l’avrebbero vessata in ogni modo, ricattandola affinché non raccontasse delle violenze subite.

Sarebbe stata picchiata e violentata da 10 ragazzi, uno dei quali minorenne, e uno figlio del boss Remigio, attualmente in carcere e considerato il capo dell’omonima famiglia di ‘Ndrangheta che opera a Melito Porto Salvo, vicino Reggio Calabria. I fatti contestati al ‘branco’ avrebbero avuto inizio nel 2013: la vittima sarebbe stata fidanzata con uno di loro e poi costretta a subire violenze e abusi ripetuti da altri amici del giovane. Le violenze subite sarebbero state anche filmate, e proprio quei video sarebbero stati l’arma del ricatto che avrebbe costretto al silenzio la vittima, terrorizzata all’idea che quelle immagini venissero divulgate. Si è appreso che l’inchiesta sarebbe partita dalla denuncia di un’insegnante della giovane, che avrebbe colto il suo turbamento e l’avrebbe convinta a confidarle l’orrore subito.

aggiornamento ios

Aggiornamento iOS 9.3, OS X: Apple rilascia upgrade su OS X per risolvere il problema Pegasus

Replica Cherry Season puntata 2 Settembre 2016: ecco dove vedere l’episodio