in ,

Reggio Calabria, traffico di rifiuti illecito: sequestro di beni e società

Emergenza ecomafia: nuovi sequestri nell’ambito dello smaltimento illecito di rifiuti. Due società calabresi e beni per un valore di circa 1 milione di euro, sono stati sequestrati oggi, nel primo pomeriggio, dal Corpo forestale dello Stato e dalla polizia ferroviaria di Reggio Calabria. Le società Cara Stefano e Cara Ecologica e le loro pertinenze, tra le quali 6 camion utilizzati per la raccolta e il trasporto dell’immondizia, le macchine adibite alla movimentazione e alla riduzione del volume della stessa, e soprattutto, i registri delle scritture contabili e i conti correnti, sono stati sottoposti a misura cautelare reale dalla Dda calabrese nell’ambito di un’inchiesta condotta per traffico illegale di rifiuti.

traffico illecito rifiuti Reggio Calabria

Nel registro delle persone indagate sono stati iscritti i nomi di due persone perché, secondo quanto emerso nel corso delle indagini, per anni, le ditte di cui sono titolari, in concorso con altre società, avrebbero effettuato sistematicamente operazioni di raccolta e smaltimento rifiuti, anche talvolta classificati come nocivi, senza le necessarie autorizzazioni, e quindi in totale violazione delle prescrizioni previste in virtù della normativa vigente in materia.

Per di più, risulta che i soggetti accusati, hanno dato corso ad un vero e proprio racket organizzato, attraverso numerose operazioni fittizie finalizzate specificamente ad occultare lo spostamento dei rifiuti, ossia la loro tracciabilità. Ad aggravare la loro posizione poi, la circostanza che l’area in cui i resti e i residui tossici venivano raccolti per poi essere smaltiti, fosse situata nelle immediate vicinanze dei centri abitati antistanti l’aereoporto di Reggio Calabria.

Nicole Minetti

Nicole Minetti disse su Giorgio Faletti: “Testa di c…. comunista”

India, gemelle siamesi trovano l'amore

India, gemelle siamesi condividono anche l’amore: lo stesso uomo per due