in

Regime dei Minimi 2015 e Partite Iva: alla Camera si vota il ddl di Stabilità, ecco le ultime news

Tra poco meno di 48 ore la Camera dei deputati darà il via libera definitivo al ddl di Stabilità, che prevederà l’entrata in vigore del nuovo Regime dei Minimi 2015 per i possessori di partite Iva. Dal prossimo anno i liberi professionisti che vorranno aprire Partite Iva, secondo quanto sta per essere approvato nel ddl di Stabilità, dovrà attestarsi entro i 15 mila euro di fatturato annui. Un provvedimento che ancor prima di essere approvato sta scatenando non poche polemiche. A siffatta soglia di reddito, infatti, si dovrà aggiungere un’imposta sostituiva al 15% e un’aliquota contributiva prevista per la gestione separata INPS al 33%.

Non sono certo buone notizie, queste, per i lavoratori autonomi che, qualora decidessero di aprire la Partita Iva nel 2015, saranno sottoposti ad un’aliquota di tassazione che passerà quindi dall’attuale 5% al 15% con nuove soglie di reddito, diverse a seconda della categoria professionale di appartenenza e ai limiti d’età.

Gli emendamenti da vagliare – ben 130 – non cambieranno tuttavia la sostanza delle cose e lasceranno pressoché invariato il quadro emerso dal Senato. La Camera potrebbe decidere di apportare modifiche e stabilire per legge l’incremento della soglia reddituale a 20 mila euro, ma non sarebbe un cambiamento sostanziale. Le ultime indiscrezioni, infatti, non fanno pensare ad un vero rinnovamento del Regime dei Minimi 2015.

cristian e tara uomini e donne

Uomini e donne gossip: Cristian e Tara cambiamenti in vista delle nozze

uomini e donne giorgia e manfredi

Uomini e donne news: Giorgia Lucini svela perché è finita con Manfredi