in ,

Renata pittrice scomparsa news Quarto Grado, spunta un testimone: le avrebbe parlato alle 17 del 9 ottobre

Renata Rapposelli, la pittrice scomparsa, è stata uccisa o si è allontanata volontariamente? Se ne sta discutendo stasera 10 novembre durante la diretta di Quarto Grado.

Simone Toscano in diretta dalla casa di Giulianova, dove abitano Simone e Giuseppe Santoleri, rispettivamente figlio ed ex marito della 64enne, in questi minuti ha dato un aggiornamento sulle indagini che se verificato e confermato cambierebbe radicalmente lo scenario che l’indagine ha permesso di ricostruire finora. Ci sarebbe un commerciante che avrebbe parlato intorno alle 17 del 9 ottobre, giorno della scomparsa, con Renata, la quale sarebbe entrata nel suo negozio per comprare “un prodotto particolare”, ha detto il giornalista della trasmissione senza volersi ancora sbilanciare troppo prima di avere maggiori dettagli in merito dalla sua fonte. Il negozio in questione è una farmacia che si trova a Tortoreto Lido, a 2 km da Giulianova. Renata sarebbe entrata lì per acquistare un farmaco; l’addetta al banco, sentita stamani dai carabinieri, si dice convinta al 100% che fosse proprio la pittrice scomparsa.

>>> Renata pittrice scomparsa news: ricerche in casa figlio, uditi rumori sospetti da stabile contiguo <<<

Questo particolare cambierebbe tutto giacché le ultime tracce di Renata Rapposelli il suo cellulare le ha registrate poco prima delle 13 del 9 ottobre, quando via WhatsApp comunicava all’amico della chat (lo stesso che il 16 ottobre ne ha denunciato la scomparsa) del gruppo di preghiera che aveva preso il treno da Ancona per raggiungere (alle 13:05) Giulianova, dove avrebbe dovuto far visita al figlio Simone che non vedeva da anni, perché affetto da una malattia allo stomaco. Renata – confermano marito e figlio – a casa da loro ci sarebbe arrivata, ma la visita sarebbe durata poco (una ventina di minuti) per via di una lite con l’ex marito legata a questioni di denaro. Ecco perché la donna a detta di Simone avrebbe chiesto all’ex coniuge di accompagnarla in auto fino al santuario di Loreto. Sempre secondo il racconto dei due uomini (indagati per concorso in omicidio e occultamento di cadavere), l’ex marito Giuseppe l’avrebbe fatta scendere due chilometri prima di arrivare al santuario talmente accesa sarebbe stata la lite in macchina durante il tragitto.

Renata risulta scomparsa nel nulla dal primo pomeriggio del 9 ottobre, dunque. Ora però, se la testimonianza di cui ha dato anticipazione Simone Toscano fosse attendibile, lo scenario cambierebbe radicalmente. Potrebbe cioè dimostrare che la donna si sia allontanata volontariamente. Ovviamente per ora si tratta solo di una indiscrezione giornalistica che attende di essere confermata. Seguiranno aggiornamenti.

Butungu condannato news

Stupri Rimini news: Butungu condannato a 16 anni di reclusione

Aloha Movie facebook

Programmi tv 11 novembre 2017: Tale e quale show, NCIS Los Angeles, Tú sí que vales, Sotto il cielo delle Hawaii