in

Renata Rapposelli news: accadde subito dopo il delitto, nuovo terribile tassello completa scena crimine

Omicidio Renata Rapposelli news oggi: è pressoché risolto il giallo di Giulianova, dopo che Giuseppe Santoleri, ex marito della pittrice uccisa, ha confessato nel dettaglio come si è consumato il delitto nella sua casa, quel terribile pomeriggio del 9 ottobre 2017. Ad uccidere, strangolandola, Renata sarebbe stato il loro figlio Simone al culmine di un feroce litigio scaturito per questioni economiche. Da un estratto della confessione dell’uomo, si evince come e quando padre e figlio si siano sbarazzati del cadavere della pittrice, trovato del tutto casualmente il 10 novembre di un anno fa sulle rive del Chienti, nelle campagne di Tolentino, un centinaio di chilometri distante da Giulianova.

giallo renata rapposelli news

Renata il giorno in cui è stata uccisa ha discusso con i due uomini per delle somme che le erano dovute, derivanti dagli assegni di mantenimento non corrisposti dall’ex coniuge; quando i soldi le sono stati negati i toni della discussione si sono accesi e “Mi sono distratto pochi minuti”, ammette Giuseppe Santoleri, “Poi ho visto mio figlio colpirla e lei cadere a terra”“Io piangevo, Simone mi diceva di stare zitto”, ricostruisce drammaticamente Giuseppe, che dunque dà al figlio la responsabilità dell’omicidio. Ormai morta, Renata è stata avvolta con delle buste di plastica; padre e figlio non sapevano cosa farne, così Simone, 45 anni, ha ordinato al padre di aiutarlo a metterlo nel bagno, dove sarebbe rimasto per due giorni. Con il corpo senza vita in casa, i due hanno preparato la cena e mangiato come se niente fosse, svolgendo la loro vita come sempre.

morte renata rapposelli news

“Simone ha deciso tutto”, aggiunge Pino Santoleri, “mi diceva di stare zitto, che ero un ignorante. Poi però gli ho detto che così non ce la facevo più e ci siamo sbarazzati del cadavere”. Il 12 ottobre, com’è noto, i due uomini caricarono il corpo della pittrice nel bagagliaio della loro auto e lo portarono fino a Tolentino, per sbarazzarsene. Questa la triste fine toccata alla 64enne, che ad Ancona abitava da sola ed aveva gravi problemi economici. Di recente aveva ricevuto dal comune un alloggio in cui stare, e in attesa di ottenere la pensione, sperava di riuscire a sopravvivere con l’assegno di mantenimento che il marito avrebbe dovuto corrisponderle.

Leggi anche: Renata Rapposelli news: ex marito rivela perché la invitò a casa e come è stata uccisa da Simone

Riforma Ordine dei Giornalisti 2019: ecco le linee guida, tutte le novità! (GUIDA COMPLETA)

Reddito di cittadinanza 2019 requisiti e importo: ecco le ultimissime novità (GUIDA COMPLETA)