in

Renata Rapposelli news, ex marito accusa il figlio: la donna uccisa da Simone Santoleri

Omicidio Renata Rapposelli news oggi 3 ottobre 2018: clamoroso colpo di scena nel caso relativo al brutale delitto della pittrice anconetana avvenuto il 9 ottobre 2017 a Giulianova, in casa del figlio Simone Santoelri e dell’ex marito della donna, Giuseppe. I due uomini sono stati arrestati (sono detenuti in due istituti penitenziari diversi) il 6 marzo scorso con l’accusa di concorso in omicidio volontario e occultamento di cadavere: il corpo senza vita della vittima fu infatti rinvenuto, del tutto casualmente, a 100 km dal luogo del delitto, sulle rive del fiume Chienti a Tolentino il 10 novembre 2017. Era saponificato e in avanzato stato di decomposizione tale per cui, nemmeno con tre autopsie, il medico legale è riuscito ad accertare l’effettiva causa di morte della donna. Si suppone infatti – ma non v’è ad oggi certezza – che la pittrice Renata sia stata strangolata e/o soffocata dai due uomini.

morte renata rapposelli news

Oggi 3 ottobre un colpo di scena nel caso, di cui dà notizia il programma Quarto Grado attraverso la sua pagina Facebook ufficiale: “Caso Rapposelli: Giuseppe Santoleri accusa il figlio. Nuovo colpo di scena sull’omicidio di Renata, la pittrice di Ancona. Nel corso della deposizione spontanea resa al Pm, Giuseppe avrebbe raccontato che durante una lite per motivi economici il figlio Simone avrebbe ucciso la madre”. Dopo avere glissato per mesi la convocazione davanti al pm per fornire la sua versione dei fatti, essendo stato ricoverato per abuso di psicofarmaci e presunto tentato suicidio proprio alla vigilia dell’interrogatorio, finalmente Giuseppe Santoleri, ex marito della pittrice, ha deciso di parlare e fornire il su racconto di quel giorno. A sorpresa l’uomo ha accusato il figlio Simone di avere commesso il delitto.

news pittrice scomparsa

Giuseppe Santoleri nel corso della deposizione spontanea resa al pubblico ministero, Enrica Medori, avrebbe infatti puntato il dito contro il figlio raccontando che Renata, in preda all’ira durante un’accesa lite con lui scaturita per motivi economici, si sarebbe azzuffata con il figlio. La discussone dunque sarebbe degenerata culminando nell’omicidio della pittrice. Versione che ora sarà vagliata dalla magistratura inquirente e che, se ritenuta attendibile, andrebbe a validare l’ipotesi rappresentata dal movente di carattere economico, da subito ritenuta la più plausibile dagli inquirenti. Si apprende inoltre che Giuseppe avrebbe rivelato questi particolari già ad alcuni detenuti, che a loro volta avrebbero chiesto ed ottenuto di informare il magistrato.

Potrebbe interessarti anche: Renata Rapposelli, ricostruita l’atroce morte: come l’hanno uccisa figlio ed ex marito

Sciopero Alitalia ottobre 2018: voli a rischio, piloti e assistenti sul piede di guerra

Maria Elena Boschi foto su Maxim Italia: anche in camera da letto? “Non resterete delusi”