in ,

Renata Rapposelli news, nuova testimone: “Ho sentito il figlio che inveiva contro una donna”

Morte Renata Rapposelli, le ultime notizie sul giallo di Giulianova riguardano due importanti testimoni che con le loro parole smantellano l’alibi del figlio della pittrice, che ha sempre detto che il 9 ottobre giorno della scomparsa, la madre è stata nella sua casa per una ventina di minuti e prima delle 14 è stata accompagnata in auto dal padre fino al santuario di Loreto. Simone Santoleri e il padre Pino sono indagati per concorso in omicidio e occultamento di cadavere.

MORTE RENATA RAPPOSELLI IL PUNTO SULLE INDAGINI

La farmacista di Tortoreto Lido (che dista 3 km da Giulianova) invece sostiene che intorno alle 17 di quel giorno Renata è entrata in farmacia a comprare un ansiolitico. La donna si dice certa che quella donna fosse la pittrice ancora solo scomparsa all’epoca dei fatti. I legali di Simone avrebbero dubbi sulla attendibilità delle sue parole e avrebbero chiesto di poter conferire con lei, già sentita dai carabinieri il 10 novembre, giorno del ritrovamento del cadavere della pittrice. I difensori dei Santoleri riterrebbero tardiva (e dunque poco attendibile) la sua testimonianza, in realtà ieri sera Federica Sciarelli, durante la diretta di Chi l’ha visto?, ha voluto precisare che la farmacista già segnalò i fatti alla loro redazione in data 24 ottobre, non appena fu diffuso l’appello sulla scomparsa della pittrice Rapposelli, quando ancora non si sapeva che la donna fosse morta.

Leggi anche: Renata Rapposelli news figlio: sequestrati cellulari e schede sim, parla di nuovo la farmacista di Tortoreto

Spunta una seconda testimone: “Ho sentito Simone inveire contro una donna”

A Storie Italiane, trasmissione di Rai 1, questa mattina un’altra indiscrezione sul caso: l’inviata del programma ha intercettato telefonicamente una donna che abita vicino casa dei Santoleri e ha riferito di avere sentito Simone gridare il pomeriggio del 9 ottobre. La testimone non ha voluto rivelare la sua identità ma ha fornito un racconto molto preciso: “Urlava al cellulare con una donna, erano circa le 16-16:15, ho sentito il figlio di Renata urlare … inveiva contro una donna”. Parole offensive e irripetibili. Se questo racconto trovasse conferma sarebbe un ulteriore elemento a conferma della ipotesi che alle 16:30 del 9 ottobre Renata Rapposelli fosse ancora in vita, come sostiene la farmacista di Tortoreto, che l’avrebbe vista poco prima delle 17.

Seguici sul nostro canale Telegram

Sicilia, Luigi Genovese indagato per riciclaggio: trema il recordman di preferenze

Chi è Luigi Genovese: il deputato dell’Ars Sicilia indagato per riciclaggio