in ,

Renzi fondi per lo “sblocca Italia”: 1 miliardo ai Sindaci per le opere pubbliche incompiute

Il decreto sblocca Italia verrà varato entro luglio. Prevede fondi da più di 1 miliardo di euro destinato ai cantieri fermi o ai progetti pronti, ma mai iniziati. Un esempio su tutti: l’abbattimento delle “Vele” di Scampia, a Napoli. Oppure la tratta alta velocità Napoli-Bari. Lo sblocca Italia venne proposto nel corso di un incontro pubblico a Trento dal Premier Matteo Renzi, durante un dibattito con il direttore di La7, Enrico Mentana. Il primo passo del decreto è stato l’invio di una lettera firmata dallo stesso Matteo Renzi a tutti i sindaci d’Italia. Conteneva una richiesta molto diretta, riassumibile così: “Indica al Governo quali sono nella tua città le opere incompiute o i progetti che non riescono a partire. Interverremo noi per realizzarli”.

premier renzi decreto opere pubbliche

Un elenco di infrastrutture e situazioni pubbliche è già arrivato sulle scrivanie del premier e del Ministro per le Infrastrutture, Maurizio Lupi. Priorità assoluta è stata data alle tratte ferroviarie alta velocità Napoli-Bari e Brescia-Padova. Dalle grandi città, poi, varie richieste. Ecco le più interessanti. A Roma, Ignazio Marino ha richiesto un’accelerazione per i lavori della tratta della metropolitana da Colosseo a Piazza Venezia. A Napoli, oltre a molti interventi nelle periferie, De Magistris richiede fondi per abbattere le Vele di Scampia e completare finalmente gli svincoli autostradali verso lo stesso quartiere.

A Torino invece i soldi servirebbero per la copertura del passante ferroviario; mentre a Firenze, città dalla quale Renzi preso lo slancio per divenire Primo Ministro, il nuovo sindaco Nardella vorrebbe realizzare la terza corsia dell’autostrada A11 e riqualificare la linea tramviaria. Staremo a vedere.

Seguici sul nostro canale Telegram

Un reporter (autore sconosciuto)

“L’utilità dell’inutile”, un manifesto in difesa del sapere

Movimento 5 Stelle

Rolling Stones, Beppe Grillo in tribuna, e il web si indigna