in ,

Replica Che Dio ci aiuti 4 nona puntata del 26 febbraio 2017: ecco dove vedere il video integrale

Ecco dove vedere il video integrale della replica di Che Dio ci aiuti 4 o meglio della nona puntata dell’amatissima fiction andata in onda nella prima serata di Rai 1 domenica 26 febbraio 2017. Per scoprire cosa è successo fra Nico e Monica (Diana Del Bufalo), fra Emma e Azzurra (Francesca Chillemi), ma anche fra Suor Angela (Elena Sofia Ricci) e Suor Costanza (Valeria Fabrizi) basterà accedere al portale Rai Replay e cercare la sezione dedicata alla serie. Qui si potranno vedere, da proprio pc, tablet o smartphone, tutte le puntate di Che Dio ci aiuti 4, ma anche quelle delle serie precedenti.

Per vedere quindi il video integrale della replica di Che Dio ci aiuti 4, o meglio della penultima puntata della fiction Rai, grazie ad internet, basteranno pochi click. La serie sta giungendo inesorabilmente alle battute finali e ogni scena, ogni battuta diventa sempre più importante per comprendere come potranno risolversi tutte le varie situazioni che coinvolgono i protagonisti del contento di Suor Angela. Nella puntata andata in onda ieri sera, 26 febbraio, ad esempio, Nico e Monica si sono baciati e hanno finalmente capito di amarsi realmente e di non poter fare a meno uno dell’altra. Azzurra è riuscita a convincere la psicologa di essere adatta per l’adozione di Emma, ma qualcuno si è intromesso nella faccenda.

Quando andrà in onda, invece, il video integrale della replica di Che Dio ci aiuti 4 su Rai Premium? Ebbene per ora non è ancora dato saperlo. Bisognerà tener gli occhi aperti sulla programmazione della Rete visibile sul canale venticinque del digitale terrestre. Nella prima serata del 28 febbraio verrà trasmessa una replica di Un passo dal Cielo 4, mentre il prossimo 3 marzo ad andare in onda sarà la replica di Che Dio ci aiuti 4, ma della puntata del 19 febbraio e non quella del 26.

Mafia arresti in Puglia

Bambina accoltellata a Genova: arrestato il padre, svolta nelle indagini

Oscar 2017, Moonlight? Era tutto scritto da un anno, ecco perché