in ,

Repubblica Centrafricana, uccisa la giovane fotoreporter Camille Lepage

Camille Lepage, la fotoreporter francese di 26 anni che lavorava come freelance nella Repubblica Centrafricana per documentarne il conflitto, è stata trovata morta ieri 13 maggio a ovest della capitale Bangui.

camion africa

Ad annunciare la notizia dell’assassinio e del ritrovamento del corpo, ad opera una pattuglia della missione militare francese “Sangaris”, è il presidente francese François Hollande.

Dopo aver studiato giornalismo all’Università inglese di Southampton, nel 2012 era partita per l’Africa, lavorando come freelance dapprima in Sudan, poi in Egitto, infine nel Centrafrica, dove realizzava servizi per conto dell’agenzia fotografica Hans Lucas e per l’Afp. Filo conduttore della sua ricerca giornalistica, l’attenzione per i temi umanitari e le condizioni della popolazione civile, “dimenticata dai governi”.

Camille deve essere rimasta coinvolta in una delle ultime sparatorie feroci, che hanno visto i combattenti musulmani «seleka» contrapposti alle milizie cristiane, con le quali la fotoreporter viaggiava da alcune settimane.

Intanto l’Eliseo assicura che verrà fatta piena luce sul caso. Stando ai dati forniti da Reporters sans frontières, ammonterebbero a 31 i giornalisti uccisi dall’inizio del 2014.

(fonte: Il Corriere)

Seguici sul nostro canale Telegram

Turchia: 201 morti nella miniera di carbone di Manisa, 300 minatori ancora intrappolati sottoterra

Tutte le leggi assurde (e false) dell’Unione Europea