in

Ricetta elettronica nazionale, scadenza e fuori regione: ecco come funziona

La ricetta elettronica nazionale, utilizzabile fuori regione e con differente scadenza rispetto a quella “classica”, è stata introdotta il 1 Marzo 2016 ma sono ancora tanti i dubbi sull’argomento: qui di seguito qualche informazione per capire come funziona.

La ricetta elettronica o dematerializzata, introdotta il 1° Marzo 2016, è l’ultimo degli step dello stesso progetto che ha introdotto anche la tessera sanitaria elettronica e l’obbligo, da parte di medici e farmacisti, dell’invio telematico di tutte le informazioni riguardanti le ricette: ma cosa cambia per i cittadini? Quando una persona si recherà dal proprio medico di famiglia, il medico non utilizzerà più una ricetta classica rossa ma si collegherà ad una piattaforma online e prescriverà il farmaco/visita specialistica associando un codice telematico al codice fiscale dell’assistito e, di conseguenza, anche ad eventuali esenzioni: a questo punto il medico stamperà un promemoria da rilasciare in farmacia per ritirare/acquistare il farmaco.

Ma dove e per quanto tempo è valida? A differenza delle ricette tradizionali, la ricetta elettronica è valida anche fuori regione e quindi su tutto il territorio nazionale: la validità della ricetta dematerializzata è stata ridotta a 30 giorni a partire dalla prescrizione, motivo per cui ai cittadini è richiesto di recarsi quanto prima nelle farmacie.

Jorge Lorenzo MotoGp

Moto Gp, Lorenzo e Ducati sempre più vicini, a giorni attesa l’ufficialità

Deadpool 2 Ryan Reynolds, il sequel si farà: arrivano le ultimissime