in

Richard Gere contro Salvini: «È un Baby Trump, fa leva su odio e paure»

Richard Gere, in questo momento di grandi discussioni e polemiche, è salito sulla Open Arms. L’attore hollywoodiano ha voluto conoscere gli immigrati tanto “maltrattati” da Matteo Salvini. Questo incontro ha aperto il cuore del divo, che in un’intervista al Corriere della Sera si è scagliato contro il ministro dell’Interno, arrivando a definirlo un Baby Trump. Perché? A detta di Richard Gere, il nostro vicepremier, come il presidente degli Stati Uniti, istiga sempre di più all’odio.

richard gere contro salvini

Richard Gere su Salvini: «Lui fa di un’emergenza umana un caso politico. Ma è cattiva politica!»

L’attore è sempre stato una persona di sani principi e non è la prima volta che fa uno di questi gesti e che cerca di cambiare le cose. Richard Gere aveva già avuto uno scontro verbale, non diretto, con Salvini, al termine del quale il vicepremier lo invitava ad ospitare gli immigrati a casa sua. All’attore però non interessa scendere alle provocazioni di Salvini e ha risposto, illustrando il problema attuale: «Se il vostro ministro spendesse del tempo con quelle persone, ascoltasse le loro storie, i loro traumi familiari, cambierebbe la sua visione. Lui fa di un’emergenza umana un caso politico. Ma è cattiva politica. Ho ammirato invece il ministro della Difesa Elisabetta Trenta: lei questo caso non può separarlo dalla sua coscienza. I leader politici stanno manipolando le menti facendo emergere il lato oscuro del dramma del nostro tempo. Ripeto: è una sfida, una sfida che si può vincere. Rendiamo il mondo un giardino. Non è la fine delle nostre democrazie. Non si tratta di religione. Siamo tutti uguali, dobbiamo essere trattati allo stesso modo. I migranti hanno le nostre stesse speranze e i nostri sogni».

richard gere contro salvini

«Salvini è un Baby Trump. Usa la stessa ignoranza in senso radicale, fanno leva su paura e odio!»

Non solo, Richard Gere ha spiegato che vorrebbe tanto incontrare Salvini: «Sì, e sono sicuro che non è come si presenta in pubblico. Avrà una famiglia, figli, genitori. Vede la politica come un pretesto per aumentare il consenso. La vita può essere semplice, se sei onesto e parli con il cuore». Il suo discorso poi è diventato un po’ più ampio e generale: «Il mondo ha gli stessi problemi. Noi abbiamo rifugiati da molti Paesi dell’America centrale. Il ministro dell’Interno ha la stessa mentalità del presidente Trump. Infatti io Salvini lo chiamo Baby Trump. Usa la stessa ignoranza in senso radicale, fanno leva su paura e odio. Dobbiamo fermare Trump». Infine l’attore ha concluso elogiando la capitana Carola Rackete per aver salvato delle vite umane e Barack Obama. A differenze degli attuali presidenti e ministri, quest’ultimo ha fatto di tutto per mantenere unita la comunità.

leggi anche: Salvini contro la nomade: “Raderemo al suolo la casa della fottutissima zingara!”

Nancy Brilli contro la Rai, sfogo amaro su Instagram: «Mai più fatto fiction!»

Eva Henger in vacanza: bikini microscopico e lato B da “Oscar”