in ,

Richard Gere, elemosina all’attore da 100 milioni di dollari

Curioso episodio nel cuore della Grande Mela, che vede come protagonista l’attore americano Richard Gere. A quanto pare la star di Hollywood è riuscita ad impietosire una turista francese che ha pensato bene di comprargli un pezzo di pizza presa da uno slancio compassionevole. Peccato che si trattava del set del suo ultimo film e che il clochard che aveva di fronte l’ignara donna era in realtà il fascinoso Gere abilmente truccato.

Richard Gere

Si chiama Karine Gombeau la 42enne turista francese che ha goffamente confuso il bel Richard Gere per un senza tetto di Manhattan, tanto che il suo spirito caritatevole non ha retto alla scena dell’uomo che stava frugando nel cestino dei rifiuti ed ha così deciso di dargli una mano offrendogli un pezzo di pizza. In realtà si trattava del bellissimo e bravissimo Richard Gere, che per l’occasione è stato abilmente truccato come clochard per le riprese del suo ultimo film Time out the Mind. L’attore, irriconoscibile con un cappellino logoro in testa ed abiti usati, barba incolta e bottiglia di birra alla mano nel classico sacchetto di carta  ha tratto in inganno la turista francese, che ora mostra con orgoglio le immagini che la ritraggono intenta a soccorrere il povero Gere, che di elemosina non ha certo bisogno visto che il suo patrimonio è stimato per un valore di ben 100 milioni di dollari.

Un’interpretazione magistrale e un travestimento ineccepibile che ha beffato tutti, perfino un edicolante della zona che ha confessato di essere rimasto colpito dalla bravura dell’attore, che sembrava un vero e proprio senzatetto che frugava nella spazzatura. Nel frattempo continuano le riprese del film, che racconta di un senza tetto che cerca di ritrovare una figlia che ormai ha deciso di allontanarsi dal padre e che vede nel cast anche la partecipazione di Steve Buscemi e Jena Malone.

 

Victoria e David Beckham

Victoria Beckham e i suoi primi 40 anni

Amici 13

Amici 13 anticipazioni puntata 4 maggio: Biagio Antonacci quarto giudice