in

Riforma delle pensioni 2015: provvedimenti per Quota 96 scuola, e sodati e opzione donna

Dopo la bocciatura da parte della Corte Costituzionale del referendum per abrogare la Legge Fornero si susseguono gli incontri tra i sindacati e il ministro Giuliano Poletti per cercare un’intesa sulle modifiche da apportare alla materia pensionistica entro il 2015. Si attende ormai, l’approvazione degli ultimi decreti attuativi al Jobs Act per trovare le soluzioni che le tante categorie di lavoratori aspettano.

Tra i provvedimenti più attesi c’è quello che riguarda i cosiddetti Quota 96 della scuola che sono rimasti ingabbiati nel mondo del lavoro, anche se dal 2011 ad oggi qualcuno di loro è potuto uscire dal proprio impiego, avendo maturato i nuovi requisiti previsti dalla Legge Fornero. Comunque, sono rimasti ancora molti insegnanti che non sono potuti andare in pensione nel 2015. Il ministro Giannini nei giorni scorsi ha dichiarato che si potrebbe andare verso un “demansinamento dei docenti e il collocamento in organico funzionale”.

Altra categoria in attesa di provvedimenti è quella degli esodati, per i quali si è giunti attraverso il sesto provvedimento di salvaguardia, ma per i quali non si è risolto ancora il problema. Il Governo deve rispondere anche a quelli che attendono nel 2015, l’eventuale proroga del regime sperimentale Opzione Donna Inps. La nuova Riforma pensioni 2015 non si può più limitare a provvedimenti tampone, ma dovrà definire soluzioni strutturali e durature.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

É morto Maurizio Arcieri il musicista fondatore dei New Dada e dei Krisma

Giuditta Perna morta annegata

Avellino, Giuditta Perna è morta per asfissia da annegamento