in

Riforma pensioni 2015, Cgil: ritornare ai 60 anni o ai 40 di contributi per andare in pensione

La FLC Cgil il sindacato dei lavoratori del settore della scuola e del pubblico impiego ha presentato al Governo una proposta di riforma della Legge Fornero centrata su 5 punti, come contributo alla prevista Riforma pensioni 2015. Nella nota di presentazione è stato scritto: “La riforma Fornero ha profondamente modificato il nostro sistema previdenziale intervenendo su procedure e diritti che si ritenevano consolidati e mettendo a dura prova le legittime aspettative e progetti che dopo una vita di lavoro si pensa di poter realizzare. L’età di accesso alla pensione si è “allungata” per contenere il costo della previdenza pubblica, impedendo così ai giovani l’ingresso nel mercato del lavoro in una età utile per maturare un adeguato assegno pensionistico“.

I cinque punti che potrebbero dare corpo alla Riforma pensioni 2015 riguardano: una maggiore flessibilità in uscita con il minimo di 60 anni di età o con i 40 anni di contributi sia per gli uomini che per le donne; il superamento dell’aggancio dell’accesso alla pensione con la speranza di vita che incrementa di 4 mesi all’anno i requisiti necessari; una doverosa soluzione dei Quota 96 della scuola e un sistema di salvaguardia degli importi dell’assegno per i lavoratori discontinui e con scarsa retribuzione.

Si chiede al Governo un’apertura per modificare una legge ritenuta ingiusta per molte categorie di lavoratori ed anche un  aumento delle pensioni minime estendendo l’integrazione del trattamento minimo anche alle pensioni con il nuovo sistema contributivo.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Davide Stival ritrova cintura e forbici

Loris Stival ultime news: cintura e forbici da elettricista trovate in casa dal padre

Luigi Chiatti scarcerato tra pochi mesi

Lugi Chiatti scarcerato tra pochi mesi nonostante la condanna a due ergastoli