in

Riforma pensioni 2015: flessibilità, pensione anticipata chieste le simulazioni all’Inps

Resta acceso il dibattito sulla Riforma pensioni 2015, dopo l’intervento del presidente dell’Inps Tito Boeri che su La7 ha proposto di introdurre “una certa flessibilità” per il pensionamento e per “l’armonizzazione e l’unificazione” dei differenti trattamenti pensionistici. Il ministro Giuliano Poletti ha espresso consenso sulla proposta, mentre Susanna Camusso segretario generale della Cgil ha dichiarato di evitare le scorciatoie e che la proposta di Boeri non può sostituire il confronto tra Governo e parti sociali, che per primo chiedono di modificare in maniera sostanziale la Legge Fornero.

La Camusso ha sottolineato che i sindacati hanno chiesto alla direzione dell’Inps un tavolo di confronto sui temi della “governance degli istituti previdenziali, e sulla previdenza”. Tuttavia resta prioritario l’incontro e il confronto con il Governo perché ad avviso dei sindacati non c’è solo un problema di funzionamento, ma anche di superare le molte iniquità verso i lavoratori contenute nella Legge Fornero.

Il ministro Poletti si è dichiarato d’accordo con Boeri sul bisogno di: “flessibilizzare in uscita il sistema pensionistico, a partire dal problema sociale più acuto delle persone più anziane che perdono il lavoro senza aver maturato i requisiti e rischiano di trovarsi in una terra di nessuno”. Il ministro ha invitato l’Inps a fare le simulazioni, poi il Governo vedrà il da farsi. Secondo Cesare Damiano l’aggancio all’aspettativa di vita se non è corretto porterà: “in un futuro non lontano ad aziende popolate da settantenni. Con buona pace del ricambio generazionale”.

Seguici sul nostro canale Telegram

andrea marcaccini isola dei famosi

Barba uomo 2015, i tagli più alla moda per uno stile hypster

quelli che il calcio

Quelli che il calcio anticipazioni e ospiti domenica 22 marzo 2015: Massimo Ferrero, Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio